Motori

Thumbnail MOTORI: Superbike, Bulega perde la testa del mondiale, Antonelli quarto in WSSP

MOTORI: Superbike, Bulega perde la testa del mondiale, Antonelli quarto in WSSP

Oltre alla “6 ore di Imola” e alla Formula1, in questo weekend a tema motori è andato in scena anche il terzo round del campionato mondiale di Superbike, sul circuito di Assen. Il GP di Olanda si è aperto con l’inaspettata vittoria in gara1 del debuttante Nicholas Spinelli, che, chiamato a sostituire l’infortunato Danilo Petrucci in sella alla moto del Barni Spark Racing Team, ha battuto la concorrenza di Bautista e Razgatlioglu. Il campione in carica spagnolo dell’Aruba.it Racing-Ducati, Alvaro Bautista, è stato l’altro protagonista della categoria poiché con il 60° successo in Superpole e il secondo posto in gara2 è riuscito a strappare la leadership del mondiale al compagno di squadra Niccolò Bulega, che, al debutto sul “TT-Circuit” ha invece vissuto un weekend di alti e bassi - un ottavo posto in gara lunga compensato dalla medaglia d’argento nella sprint. Nella categoria Supersport, Niccolò Antonelli del team Althea Ducati ha visto sfumare il podio dopo un errore all’ultimo giro, mentre Stefano Manzi, a causa della pioggia e di una doppia penalità, si è dovuto accontentare del 22° posto, rimanendo comunque secondo nella classifica piloti.

Thumbnail MOTORI: WEC, Ferrari tradita dalla pioggia, secondo posto per Rossi

MOTORI: WEC, Ferrari tradita dalla pioggia, secondo posto per Rossi

Grande affluenza e tante le emozioni che si sono susseguite nella “6 Ore di Imola”, secondo round stagionale del “FIA World Endurance Championship”. Se la prima parte della gara Hypercar viene dominata dalle tre vetture della Ferrari AF Corse che procedono stabilmente verso uno storico triplo podio, a due ore dalla fine la pioggia spariglia le carte in tavola. Mentre la scuderia di Maranello perde tempo nel decidere se effettuare subito il cambio alle gomme da bagnato o se proseguire con le slick, i team rivali centrano la strategia vincente, montando subito le rain. Risultato: primo successo stagionale per il trio del team Toyota Gazoo, Conway-De Vries-Kobayashi, con le Porsche Penske di Estre-Lotterer-Vanthoor e Cambell-Christiansen-Makowiecki a completare la top3. Un grande stint finale di Antonio Fuoco che chiude al quarto posto insieme a Calado e Nielsen, vale al Cavallino il miglior risultato di giornata, solo settimi invece i campioni in carica di “Le Mans” Pier Guidi-Calado-Giovinazzi, seguiti da Kubica-Schwarzman-Ye (8°). A rendere però meno amara la giornata per gli oltre 73mila spettatori affollati sulle tribune dell’autodromo “Dino e Enzo Ferrari”, c’è l’eterno Valentino Rossi. Nella categoria LmGT3, il “Dottore” ha infatti potuto festeggiare il primo podio nella serie, conquistando un secondo posto insieme ai compagni Al Harthy e Martin alle spalle dell’altra BMW WRT di Leung, Gelael e Farfus; medaglia di bronzo per Maykhin-Sturm-Bachler su Porsche.   Foto: Ansa


TUTTE LE NOTIZIE DI MOTORI