20 MAGGIO 2024

10:39

NOTIZIA DI SPORT

DI

816 visualizzazioni


20 MAGGIO 2024 - 10:39


NOTIZIA DI SPORT

DI

816 visualizzazioni



CALCIO: Il Cesena chiude in gloria, coriandoli dorati e fiori d'arancio

È finita così: col Cesena che alza al cielo la Supercoppa di serie C e Beppe Prestia che coglie l’occasione  per chiedere la mano alla sua bella Desiree - proposta accettata senza indugio - rendendo ancora più magica la serata dell'Orogel Stadium. Una degna conclusione di una stagione semplicemente perfetta per il popolo bianconero. E pensare però che la sfida alla Juve Stabia si era messa del tutto in salita per i ragazzi di Toscano: Pisseri deve superarsi per dire di no al colpo di testa di Folino sul corner di Mignanelli, pochi minuti più tardi l'incertezza di Pieraccini viene punita da Adorante, palla rubata e poi scaricata per Mosti, l'ex imolese non può proprio esimersi dal portare avanti i campani. La reazione del Cesena è immediata, Adamo mette al centro una punizione che per poco non frutta l'autorete di Bellich, si salva Thiam, ma la Juve Stabia si dimostra ancora letale col perfetto traversone di Mignanelli che Adorante tramuta in oro colato con una volée sul primo palo per lo 0-2, complice anche una posizione di partenza di chiaro fuorigioco colpevolmente non rilevata dall'assistente di De Angeli. La Juve Stabia potrebbe anche dilagare ma Pisseri prima è graziato da Adorante e poi è decisivo su Pierobon. Il secondo tempo non sembra mutare lo spartito del match, visto che il portiere del Cesena è decisivo per negare il tris ad Adorante, ma poi sale in cattedra Kargbo: la fiammata del sierraleonese vale l'accorcio, Meli successivamente grazia i bianconeri calciando a botta sicura sulla traversa e allora riparte il Frecciarossa Kargbo sulla sinistra, assist al bacio per Ogunseye ed è 2-2. Non è finita perché la Juve Stabia coglie il palo con Folino sugli sviluppi di un altro angolo battuto da Mignanelli. L'ultima fiammata è ancora di Kargbo, questa volta contenuto da Thiam, e poi è solo festa bianconera: il pari basta e avanza per mettere definitivamente le mani anche sulla Supercoppa.




ALTRE NOTIZIE DI SPORT

CALCIO: Varone protagonista nel 9-1 del Cesena alla Sampierana

Poker del "Puma" nella ripresa, lunedì arriverà in ritiro il difensore Curto. A riposo dalla sgambata ancora Donnarumma.   Continua la preparazione del Cesena ad Acquapartita con il secondo test estivo. Al sesto giorno di ritiro, i bianconeri hanno affrontato la Sampierana, formazione neopromossa in Eccellenza guidata da mister Barontini. Gli uomini di Mignani, che hanno ritrovato Adamo dopo il lutto per la morte del padre, non hanno ancora a disposizione Donnarumma. L'esterno è recuperato ma ha svolto solo corsa nel pre partita. In campo Cristian Shpendi ha rotto il ghiaccio dopo nemmeno un minuto, poi Kargbo ha realizzato una doppietta. Il poker lo ha calato Adamo con un tiro da posizione centrale, mentre Calò ha disegnato una bella traiettoria da calcio da fermo. Prima del riposo lo ha però imitato Narducci: il difensore della Sampierana, con una parabola imprendibile, ha siglato la rete della bandiera. La ripresa si è aperta con il palo centrato dal colpo di testa di Ogunseye, poi Varone è salito in cattedra realizzando ben quattro reti per il 9-1 definitivo. Domani la squadra godrà di un giorno di riposo, ma lunedì arriverà un nuovo rinforzo: Marco Curto dal Como, in prestito con opzione di riscatto, dopo l'avventura dello scorso anno al Sudtirol.