24 MAGGIO 2023

14:37

NOTIZIA DI SPORT

DI

1411 visualizzazioni


24 MAGGIO 2023 - 14:37


NOTIZIA DI SPORT

DI

1411 visualizzazioni



BASKET: Anche su pubblico e incassi è sempre duello tra Milano e Virtus

Sono tutte partite con la Virtus protagonista i primi 5 incassi della regular season di basket 2022-2023: al primo posto la sfida disputata alla Segafredo Arena il 2 gennaio contro Milano che ha portato nelle casse bianconere oltre 330.000 euro; poi  la gara di ritorno al Forum il 13 marzo, in questa occasione con Armani in casa, e a seguire 3 match casalinghi delle Vu Nere, con Sassari,Pesaro e Venezia. Questi alcuni dati che fotografano l’andamento del campionato per cio’ che riguarda gli incassi; Virtus nettamente prima ,a testimonianza di un costo del biglietto piuttosto elevato, ma non prima nella media spettatori, guidata da Milano, con 7.818 presenze ; la Segafredo segue con 5.629 e sono 3 i club oltre quota 4.000: Pesaro,Varese e Verona. Complessivamente la regular season ha avuto una media di 3.764 spettatori ,quasi 4.000 nel girone di ritorno. Nelle prime 4 gare per numero di spettatori non ci sono pero’ partite interne della Virtus: le prime 4 sono di Milano: 12.320 contro Bologna e poi ancora oltre 9.000 con Varese e Tortona e vicino ai 9.000 con Sassari. Subito dopo viene la sfida tra Pesaro e Virtus del 26 dicembre con 8.900 spettatori .“Il dato di questa regular season è incoraggiante – afferma il Presidente della Lega Basket Umberto Gandini - e premia i club della Serie A che, dopo avere sostenuto ingenti sforzi per garantire la disputa del campionato durante l’emergenza pandemica, hanno lavorato bene in questi mesi per riportare il pubblico nei palasport a fruire dal vivo di uno spettacolo che, anche in questa stagione, ha regalato incertezza ed equilibrio sino all’ultima giornata”.




ALTRE NOTIZIE DI SPORT

CALCIO: Il futuro presidente del Ravenna Cipriani scopre le carte del suo nuovo corso

Una nuova era è ormai alle porte per il Ravenna. Il prossimo presidente sarà Ignazio Cipriani che, tramite una nota ufficiale, ha voluto svelare i nomi che lo affiancheranno nell'avventura in giallorosso. "Sono cresciuto con una profonda passione per il calcio e nonostante i miei 24 anni trascorsi a New York, Ravenna è rimasta la città del mio cuore, un posto speciale nella mia vita. Quest'anno ho avuto l'opportunità di acquisire il Ravenna Football Club . Combinando la mia ambizione personale con l’ amore per questo sport , ho deciso di intraprendere questa avventura per fare un omaggio alla città che mi ha regalato affetti , emozioni e ricordi bellissimi. Mi impegnerò per portare la squadra e Ravenna in Serie A , scrivendo insieme ai suoi abitanti e a tutti i tifosi una nuova e gloriosa pagina della storia cittadina". Il passaggio di proprietà avverrà "nell'ultima settimana di giugno in coincidenza con la conclusione della stagione sportiva. Questo momento rappresenta una tappa fondamentale per il club e segna l'inizio di una nuova fase entusiasmante per tutti noi. Con la nuova gestione, siamo pronti a intraprendere un percorso di crescita e successi, portando il Ravenna Football Club a nuovi traguardi". Per quanto riguarda l'organigramma il futuro numero uno del club spiega che "Ariedo Braida è stato nominato Vicepresidente, Mattia Baldassarre assume il ruolo di Amministratore Delegato, Paolo Scocco è il nostro nuovo Direttore Generale, Davide Mandorlini è stato nominato Direttore Sportivo. Lorenzo Tonetti è il nostro nuovo responsabile delle Relazioni del Club". Manca però il nome del nuovo tecnico, dopo i saluti di Massimo Gadda avvenuti ieri.