Ricerca

FORLI’: Detenuto morto nel carcere, pm apre un fascicolo

CRONACA - Un detenuto di 29 anni è stato trovato morto la notte di Pasqua nella Casa Circondariale di Forlì. L'uomo, residente a Fabriano (Ancona), padre di una bimba, originario della Tunisia, era stato trasferito dal carcere anconetano di Montacuto a quello di Forlì, tre mesi fa, su decisione della direzione carceraria. Si chiamava Mohamed Medi Cherif e scontava una misura cautelare per una rapina commessa a Jesi il 24 aprile del 2023 per la quale era stato condannato a tre anni di reclusione con una sentenza ancora non definitiva. Poco dopo la mezzanotte del 31 marzo è stato trovato senza vita nella sua cella del carcere di Forlì. La Procura, con la pm Sara Posa, ha disposto l'autopsia che è stata eseguita ieri e ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. Della morte è stato avvisato sia il difensore dell'uomo, l'avvocato Ruggero Benvenuto, sia il padre della vittima. Il legale ha già chiesto di acquisire la cartella clinica del 29enne morto, comprensiva delle terapie somministrate al detenuto all'interno della casa circondariale. L'avvocato Benvenuto aveva rivolto diverse richieste, interpellando il Sert, per poter trasferire il suo assistito in una comunità. Il tunisino infatti aveva problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti. "Bisogna chiarire se le sue condizioni - commenta il legale - fossero compatibili con il carcere". Sono in corso indagini. La difesa era in procinto di presentare l'appello contro la sentenza di condanna per rapina.

Thumbnail FORLI’: Detenuto morto nel carcere, pm apre un fascicolo

METEO: Mercoledì 3 aprile giornata nuvolosa, schiarite in serata

ATTUALITÀ - Nella giornata di mercoledì 3 aprile correnti umide vanno lentamente smorzandosi favorendo così ampie schiarite nel corso della serata, dopo una giornata nuvoloso o molto nuvolosa. Nello specifico su litorali e pianura romagnola nubi sparse alternate a schiarite per l'intera giornata; su pianura emiliana e dorsale romagnola nubi sparse, a tratti più compatte nel pomeriggio, alternate a schiarite per l'intera giornata; sulla dorsale emiliana nubi sparse alternate a schiarite per l'intera giornata con tendenza ad ampi rasserenamenti in serata. Venti deboli dai quadranti sud-orientali in attenuazione e in rotazione ai quadranti sud occidentali; Zero termico nell'intorno di 2100 metri. Mare da mosso a poco mosso.   (grafica 3B Meteo)

Thumbnail METEO: Mercoledì 3 aprile giornata nuvolosa, schiarite in serata

EMILIA-ROMAGNA: Ambiente, la Regione finanzia 17 progetti con risorse europee

ATTUALITÀ - 17 progetti sono stati finanziati dalla Regione con oltre 21 milioni di euro di risorse europee con il bando per la progettazione e realizzazione di infrastrutture verdi e blu in aree urbane e periurbane, per rafforzare la presenza della natura con un modello di pianificazione e progettazione attento al cambiamento climatico. Obiettivo quello di creare nuove aree verdi attrezzate, interventi di forestazione urbana e giardini della pioggia.  “Con questo bando la Regione Emilia-Romagna ha raccolto la sfida per il contrasto al cambiamento climatico. Le nuove infrastrutture verdi e blu possono migliorare sensibilmente la vita delle città e di chi le vive. Un processo di rinnovazione culturale che, auspichiamo, troverà terreno fertile in tutte amministrazioni coinvolte”. Sottolineano assessori Mauro Felicori (Cultura e Paesaggio), Vincenzo Colla (Sviluppo economico), Andrea Corsini (Infrastrutture) e Barbara Lori (Parchi e Forestazione). Su 64 domande presentate, 17 sono risultate finanziabili. Gli Enti interessati sono 14 Comuni, una Unione comunale, un Ente Parco e un’Autorità Portuale. Tra i Romagnoli ci sono: Bellaria Igea-Marina, Riccione e Gatteo in provincia di Rimini; l’Unione della Romagna Faentina, Bertinoro e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale. Gli interventi complessivamente riguardano una superficie di circa 230 ettari e hanno la finalità di rafforzare la protezione e la preservazione della natura, la biodiversità, anche per ridurre tutte le forme di inquinamento.

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Ambiente, la Regione finanzia 17 progetti con risorse europee

RAVENNA: Iniziata la demolizione delle torri Hamon | VIDEO

ATTUALITÀ - Nonostante le proteste dei cittadini e delle associazioni riunite ieri in piazza del Popolo a Ravenna, questa mattina sono cominciate le operazioni di demolizione di una delle due torri Hamon. Eni, proprietaria dell’area Ex Sarom dove si trovano le due costruzioni, ha dichiarato che la demolizione non poteva più essere rimandata, citando ragioni di sicurezza dovute alla vetustà e allo stato di degrado delle torri, che mostravano segni di disgregazione con il rischio di crolli imminenti. Questo intervento di smantellamento è collegato al progetto di realizzare un parco fotovoltaico per la produzione di energie rinnovabili nell'area lungo il canale Candiano. Una seconda manifestazione di protesta è prevista per domenica in Darsena, anche se, a quanto sembra, i sostenitori della conservazione delle torri dovranno arrendersi alla decisione presa.

Thumbnail RAVENNA: Iniziata la demolizione delle torri Hamon | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Giornata della consapevolezza sull'autismo, 6.500 minori assistiti

ATTUALITÀ - Le torri della Regione Emilia-Romagna si coloreranno di blu in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull'autismo, che avviene ogni anno il 2 aprile. Un’occasione per mantenere viva l’attenzione su un problema per il quale si cercano costantemente strumenti per garantire una diagnosi precoce, una tempestiva presa in carico e un efficace percorso di inclusione che duri tutta la vita.  Sono 6.558, infatti, i bambini e gli adolescenti, fino ai 18 anni di età, affetti da disturbi dello spettro autistico assistiti nel 2023 dal servizio di Neuropsichiatria infantile e adolescenza in Regione, e altri 1.194 adulti sono stati assistiti, nello stesso periodo, dai Centri di Salute mentale.  Per garantire loro le cure necessarie, lo scorso anno, sono stati assegnati dalla Regione al Piano regionale integrato (PRIA) per l’assistenza alle persone con disturbi dello spettro autistico, 4 milioni e 230mila euro.  “La presa in carico di persone con disturbo dello spettro autistico, qualunque sia l’età, deve coinvolgere tutti i contesti di vita, familiare, scolastico, lavorativo e tutto l’arco dell’esistenza”, commenta l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, “per questo da anni la Regione è impegnata a costruire una rete con l’obiettivo di rispondere ai bisogni di queste persone e sostenere le famiglie”. La programmazione PRIA è quinquennale e prevede il monitoraggio dei disturbi del neurosviluppo e la segnalazione dei casi sospetti di autismo da parte dei pediatri.

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Giornata della consapevolezza sull'autismo, 6.500 minori assistiti