Ricerca

EMILIA-ROMAGNA: Sanità, patto Admo-Avis per promuovere le donazioni

ATTUALITÀ - Un maggiore impulso alla diffusione della cultura della donazione sul territorio dell'Emilia-Romagna. È il principale obiettivo del protocollo di collaborazione firmato oggi tra l'Associazione donatori di midollo osseo dell'Emilia-Romagna (Admo) e l'Associazione volontari italiani sangue (Avis), che durerà quattro anni e potrà essere rinnovato di comune accordo. L'intesa è stata siglata oggi in Regione dalla presidente di Admo Emilia-Romagna, Rita Malavolta, e dal presidente di Avis Emilia-Romagna, Maurizio Pirazzoli, alla presenza dell'assessore alle Politiche per la salute Raffaele Donini. Al centro del documento una serie di iniziative di collaborazione tra le due associazioni che puntano a far crescere il numero dei potenziali donatori, rafforzare il coordinamento con i servizi sanitari, migliorare ulteriormente la programmazione delle donazioni sul territorio regionale e a formare i volontari e il personale sanitario. "Poter contare su un'ampia rete di donatori di sangue, midollo osseo e cellule staminali è molto importante per il nostro sistema sanitario - ha commentato l'assessore Donini - un'intesa sempre più stretta tra queste due associazioni, con cui il nostro sistema sanitario collabora da anni, è una buona notizia per tutti e permetterà di aumentare il numero di donazioni e quindi di salvare molte altre vite". Tra gli obiettivi del patto, le due associazioni condivideranno un insieme di azioni mirate alla sensibilizzazione della popolazione per favorire un nuovo slancio verso la donazione di midollo osseo, sangue e cellule staminali emopoietiche da sangue periferico e da cordone ombelicale. Saranno, inoltre, avviate attività di coordinamento e comunicazione tra i due sistemi associativi e i servizi sanitari, per una più efficace programmazione della donazione sul territorio regionale.

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Sanità, patto Admo-Avis per promuovere le donazioni

CALCIO: Due nuovi colpi di mercato per il Cesena Femminile, ecco Risina e Tamborini

SPORT - Il Cesena Femminile ha rinforzato il proprio centrocampo con l'innesto di Sara Tamborini e l'attacco con Sara Tamborini: Risina, classe 1996, è reduce dall'esperienza al Venezia, club con cui al termine dell'ultimo campionato ha festeggiato la vittoria della Coppa Italia di Serie C, mentre la giovane Tamborini ha invece concluso la propria prima esperienza al Napoli, club con cui ha conquistato la promozione nell'ultima serie B e vanta esperienze di livello con le diverse delezioni giovanili avendo indossato la maglia della nazionale con le squadre dell'under 16 e under 17.

Thumbnail CALCIO: Due nuovi colpi di mercato per il Cesena Femminile, ecco Risina e Tamborini

CALCIO: Carica El Azzouzi per il Bologna, "Qui per onorare questa maglia" | VIDEO

SPORT - Il Bologna ha presentato Oussama El Azzouzi: il centrocampista marocchino è stato scelto per la capacità di sapersi integrare nelle differenti posizioni che andrà a ricoprire nella linea mediana allestita dal tecnico Thiago Motta.

Thumbnail CALCIO: Carica El Azzouzi per il Bologna, "Qui per onorare questa maglia" | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Maltempo, gli agricoltori chiedono aiuto, “Servono riposte chiare”

ATTUALITÀ - Non si arrendono gli agricoltori emiliano-romagnoli, alle prese con un’ondata di eventi atmosferici catastrofici – dall’alluvione alla grandine fino alle trombe d’aria - che sta mettendo in ginocchio le coltivazioni. Ma per ripartire serve l’aiuto delle istituzioni. Nel VIDEO le testimonianze di alcuni imprenditori del territorio.

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Maltempo, gli agricoltori chiedono aiuto, “Servono riposte chiare”

CESENA: Presentato emendamento per diventare capoluogo di provincia | VIDEO

ATTUALITÀ - E’ stato presentato in parlamento un emendamento alla nuova legge sulla riorganizzazione delle province che prevede che la città di Cesena diventi co-capoluogo assieme a Forlì. Ne ha parlato in consiglio comunale il sindaco Enzo Lattuca. Questa la richiesta avanzata dal sindaco di Cesena Enzo Lattuca che giovedì, in consiglio comunale, ha presentato il suo piano per affiancare definitivamente Forlì nel ruolo di capoluogo di provincia. Le due città sono state affiancate nel 1992 quando è stata istituita la provincia di Forlì-Cesena senza però che alla seconda venisse riconosciuto lo stesso ruolo formale della prima. Una questione burocratica che però ha degli aspetti pratici, ad esempio nel reperimento dei fondi. INTERVISTA NEL VIDEO

Thumbnail CESENA: Presentato emendamento per diventare capoluogo di provincia | VIDEO