Ricerca

RIMINI: Caso Pierina, la nipote conferma l’alibi di Manuela e suo fratello

CRONACA - Nuovi interrogatori, nel cosiddetto caso Pierina, ieri mattina in Questura a Rimini dove il sostituto procuratore Daniele Paci e il capo della Squadra Mobile, l'ispettore Marco Masia, hanno ascoltato la nipote della vittima e un parente della nuora, entrambi sentiti come persone informate sui fatti. Ad essere ascoltata per prima, la figlia di Manuela Bianchi e Giuliano Saponi. La ragazza 17enne, la sera dell'omicidio della nonna, Pierina Paganelli, 78 anni, era a casa con la mamma e lo zio Loris Bianchi. La ragazza è di fatto l'alibi per entrambi e oggi in Questura avrebbe ribadito la versione dei fatti già resa nell'immediatezza dei primi giorni. La giovane, che si sarebbe anche corretta in un secondo momento sugli orari della serata, ha raccontato di essere stata con la mamma e lo zio per tutto il tempo. Gli inquirenti le hanno anche chiesto dei rapporti tra la nonna e la mamma e del fatto se fosse o meno a conoscenza della relazione di Manuale Bianchi con Louis Dassilva, il vicino di casa senegalese e tutt'ora unico indagato per l'omicidio di Pierina. "Mia mamma non me l'ha mai detto" pare abbia risposto la ragazza che non saprebbe dire se invece la nonna sapesse o meno. Ascoltato come persona informata sui fatti anche il marito di una cugina di Manuela che avrebbe testimoniato come vi fossero degli asti e dei rancori tra la nuora e la suocera. Secondo il testimone, Pierina era rammaricata del fatto che Manuela e il figliol Giuliano si fossero allontanati. Era evidente per i parenti che la nuora nutrisse dei forti sentimenti per un altro uomo, Louis Dassilva dunque che a sua volta ricambiava Manuela e con la quale voleva appunto "fuggire".

Thumbnail RIMINI: Caso Pierina, la nipote conferma l’alibi di Manuela e suo fratello

FORLÌ: Ex Crai, fumata grigia nell’incontro con Mood Maison | VIDEO

ATTUALITÀ - Primo faccia a faccia lunedì tra i dipendenti della Ex Crai di Forlì e i titolari del nuovo magazzino che dovrebbe aprire i battenti a metà luglio. Le trattative vanno avanti per garantire il posto di lavoro a tutti. Un incontro chiarificatore, che ha messo per la prima volta faccia a faccia i dipendenti dell’ex supermercato Crai di Forlì con i titolari del nuovo stabilimento Mood Maison, che ha rilevato il punto vendita. Questo quello che è andato in scena lunedì, dopo un mese di tavoli di crisi che si sono svolti in provincia. Al centro del dibattito il destino dei 21 dipendenti, ora in cassa integrazione:“Abbiamo chiesto una garanzia di almeno due anni – spiega la delegata sindacale Elisa Mistretta - perché ci sono persone che con questo riuscirebbero ad andare in pensione” Mood Maison ha detto che al momento non ci saranno esuberi, i lavoratori chiedono però garanzie di maggiore durata: “Abbiamo chiesto ai titolari di poterci ragionare di nuovo e loro si sono riservati di fare un ulteriore ragionamento sui due anni di garanzia” Assieme a questo si è parlato del nuovo negozio, orari di lavoro, merce in vendita e dell’utilizzo delle diverse figure professionali. Il punto vendita dovrebbe aprire a metà luglio.

Thumbnail FORLÌ: Ex Crai, fumata grigia nell’incontro con Mood Maison | VIDEO

SPORT: Oltre 30mila i partecipanti alle finali Uisp in riviera | VIDEO

SPORT - Tra Rimini e Riccione si è aperto il “Sportpertutti fest”, evento che racchiudi le finali nazionali Uisp. “I partecipanti che coloreranno la Riviera Romagnola tra giugno e luglio saranno 32500”, ha detto il presidente nazionale Uisp Tiziano Pesce nel corso della presentazione.

Thumbnail SPORT: Oltre 30mila i partecipanti alle finali Uisp in riviera | VIDEO

ROMA: Domani al via gli esami di maturità per 526.317 studenti

ATTUALITÀ - Domani al via gli esami di maturità per 526.317 studenti, 512.530 interni e 13.787 esterni, che verranno esaminati da 14.072 commissioni, per un totale di 28.038 classi. Dai licei arriva il maggior numero di candidati, sono 266.057, seguono quelli degli istituti tecnici, 172.504; infine ci sono 87.756 studenti degli istituti professionali. Si parte alle ore 8.30 con la prima prova, uguale per tutti, e si prosegue il giorno successivo, giovedì, sempre alle 8.30 con prove diverse secondo le discipline caratterizzanti i singoli percorsi di studio. Da lunedì prossimo è previsto il colloquio; le commissioni ascolteranno al massimo 5 candidati al giorno. Per alcuni studenti, però, l'inizio dell'orale slitterà a causa dei ballottaggi delle elezioni, poiché i comuni al secondo turno tornano alle urne domenica 23 e lunedì 24, fino alle ore 15. I ragazzi in questi giorni si esercitano utilizzando anche l'Intelligenza artificiale: 1 maturando su 4, secondo un sondaggio, sta già utilizzando strumenti come ChatGPT per ripassare il programma. Solo il 15% però, sta interpellando l'IA in relazione alle tracce del tema scritto, mentre la maggior parte è convinta che sia più utile per l'orale. La prova di domani accerta sia la padronanza della lingua italiana sia le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche degli studenti. La prova ha una durata massima di 6 ore. Il ministero mette a disposizione per tutti gli indirizzi di studio 7 tracce che fanno riferimento agli ambiti artistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, tecnologico, economico, sociale. Nel toto tracce si trovano l'anniversario dell'assassinio di Giacomo Matteotti, la nascita 150 anni fa di Guglielmo Marconi e quella 120 anni fa di Robert Oppenheimer. Anche un approfondimento sui temi del cambiamento climatico e le nuove frontiere aperte dall'intelligenza artificiale, secondo gli studenti, potrebbero stuzzicare la "fantasia" dei commissari ministeriali. Tra gli autori più gettonati ci sono Luigi Pirandello, Gabriele D'Annunzio, Alessandro Manzoni e Giuseppe Ungaretti. Tra le ricorrenze storiche spicca la Prima Guerra Mondiale ma si fa strada anche lo sbarco in Normandia. Confitto israelo-palestinese e guerra in Ucraina insieme ai 20 anni di Facebook con tutto quello che riguarda i social network e la violenza di genere, sono, invece, in cima alla lista delle questioni di attualità favorite.

Thumbnail ROMA: Domani al via gli esami di maturità per 526.317 studenti

PALLAMANO: A Mariano Ortega le redini del Romagna

SPORT - La Pallamano Romagna cambia allenatore e affida la propria panchina al tecnico spagnolo Mariano Ortega in vista della serie A Silver 2024-2025. Il classe 1971 è nato a Esparraguera, cittadina a 40 km da Barcellona, e vanta una lunga carriera agonistica da terzino destro, con un mancino velenoso con cui ha realizzato parecchi gol sia nei club che in Nazionale. L’ultima esperienza è dello scorso anno con il Programma Nazionale di tecnica sportiva per tecnici e giocatori della Reale Federazione Spagnola di Pallamano.

Thumbnail PALLAMANO: A Mariano Ortega le redini del Romagna