10 LUGLIO 2024

15:37

NOTIZIA DI POLITICA

DI

585 visualizzazioni


10 LUGLIO 2024 - 15:37


NOTIZIA DI POLITICA

DI

585 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Autonomia, via libera al referendum abrogativo

Dopo un luna maratona in aula, l'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna ha dato il suo via libera a un referendum abrogativo sulla legge dell'Autonomia differenziata. Duri gli scontri tra maggioranza e opposizione.

 

 

In una sessione fiume di 24 ore, l'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna ha approvato due delibere per richiedere un referendum abrogativo sulla legge dell'Autonomia differenziata. Le delibere hanno ricevuto il sostegno della maggioranza di centrosinistra (Pd, Europa Verde, Avs, Italia viva) e del M5s. Il centrodestra si è opposto fermamente.

È stato il presidente di Regione, Stefano Bonaccini, primo fra tutti a definire la norma del Governo "sbagliata e divisiva" e ha messo in luce la necessità di chiarire quali sono i Lep, i Livelli essenziali delle prestazioni, prima di qualsiasi devoluzione di funzioni.

Forti le reazioni a partire dalla Lombardia dove il collega Attilio Fontana ha detto che così l’Emilia-Romagna tradisce gli accordi precedenti. Anche il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli del Gruppo misto, ex Lega, ha attaccato Bonaccini, accusandolo di incoerenza. Uno "spettacolo vergognoso" ha detto l’iter dell’approvazione. In aula si sono registrate tensioni con scontri verbali e accuse reciproche tra maggioranza e opposizione. La Lega si è opposta alla chiusura della seduta e ha tentato di proseguire i lavori.

La battaglia sull'Autonomia differenziata è solo all'inizio, con altre Regioni pronte a esprimersi a breve. Con cinque Consigli regionali è possibile richiedere il referendum abrogativo.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Pompignoli va via dalla Lega, "non condivido linea"

“Dopo settimane di doveroso silenzio sui social, desidero ufficializzare con poche parole il mio addio alla Lega”. Così, in un post, il consigliere regionale dell’Emilia-Romagna Massimiliano Pompignoli. “La mia è stata una decisione difficile, sofferta ma inevitabile dopo oltre 15 anni di militanza.  Alla Lega ho dato tanto e ricevuto tanto. Oggi, con grande dispiacere, devo fare i conti con la crescente difficoltà di non riuscire più a condividere la linea e gli obiettivi di un partito che, purtroppo, non è più casa mia.  Desidero ringraziare tutti coloro che hanno camminato al mio fianco in questi anni, dandomi l’opportunità di diventare la persona che sono oggi.  Grazie per tutto quello che mi è stato insegnato e per i momenti passati insieme.  Purtroppo, molte cose sono cambiate dal 2008 ad oggi e il mio percorso all’interno della Lega finisce qui”. Pompignoli, che ora potrebbe bussare alle porte di Forza Italia, pubblica una foto mentre è al lavoro in una passata edizione della Festa leghista di Cervia, uno dei momenti “che più mi rappresentano e sintetizzano il mio percorso politico”, sottolinea, “punto di riferimento per tutti coloro che hanno sempre lavorato con onestà, sacrificio e grande umiltà”.