20 MAGGIO 2024

13:59

NOTIZIA DI POLITICA

DI

440 visualizzazioni


20 MAGGIO 2024 - 13:59


NOTIZIA DI POLITICA

DI

440 visualizzazioni



BOLOGNA: Salvini, “il Passante si farà anche se i costi sono triplicati” | VIDEO

Il vicepremier e ministro delle infrastrutture Matteo Salvini ha fatto tappa a Bologna per presentare le opere più importanti in regione da qui al 2032. Inevitabile un passaggio sul Passante del capoluogo, con tempi e costi che continuano a rimodularsi nel tempo. “L'opera si farà anche se la società privata che se ne sta occupando sta rivedendo i conti” ha assicurato il responsabile del Mit, che sulle città 30 ha aggiunto: “Ci vuole buonsenso”

“Si parla di una società privata, come in altri casi, che sta rivedendo i conti. A me interessa però che le opere si facciano, per questo stiamo lavorando ad una riforma delle concessioni autostradali perché sia il pubblico a farsi carico di quello che poi serve agli utenti”. Avanti tutta col Passante di Bologna, nonostante tempi e costi ancora con grossi punti interrogativi davanti. Lo ha confermato, ospite dell'Opificio Golinelli per la tappa nel capoluogo del tour “L'Italia del Si 2023-2032 - Progetti e grandi opere in Italia", il vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, presentando per l'occasione le infrastrutture strategiche per il Paese e l'Emilia-Romagna dei prossimi anni. Dai 3,6 miliardi di investimenti complessivi per 18 interventi stradali in cantiere ai 640 milioni in campo per quelli più importanti, che vanno dal nodo ferrostradale di Casalecchio al terzo lotto della tangenziale di Forlì, dai quasi 60 milioni per la Porrettana a interventi in progettazione come la variante dell'Adriatica di Bellaria fino alla Campogalliano-Sassuolo. E poi ancora rete rete ferroviaria, aeroporti e codice della strada. Confronto ancora aperto sulla città trenta bolognese. “Per me prevale sempre il buonsenso -ha spiegato Salvini-. Il nuovo codice della strada che abbiamo scritto è per salvare vite, quindi serve buonsenso. Le zone trenta in prossimità di scuole, ospedali, case di riposo, ci stanno; su intere superficie cittadine non risolvono alcun tipo di problema. Stiamo investendo miliardi di euro in questa regione -ha concluso- anche per opere di cui si parla da troppo tempo. Sono contento, perché in un anno e mezzo non risovli problemi che aspettano risposte da 40 anni, però abbiamo dato in tutte le province segnali concreti di presenza e attenzione”.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

CESENA: Presentata la nuova giunta, 6 riconferme e 3 novità | VIDEO

E’ pronta la nuova giunta del Comune di Cesena. Il sindaco Enzo Lattuca, appena rieletto per il secondo mandato con una ampia maggioranza, ha presentato la sua nuuova squadra. Una esclusione, tante riconferme e qualche nome nuovo. Questa la nuova giunta comunale di Cesena, presentata dal sindaco Enzo Lattuca dopo la riconferma alla guida della città. 9 assessori, 5 donne e 4 uomini. Di questi, ben 6 sono quelli confermati, anche se non tutti con lo stesso ruolo. Tra i capisaldi ci sono il vicesindaco Cristian Castorri, assieme a Camillo Acerbi, Carmelina Labruzzo e Cristina Mazzoni, il cui ruolo resta pressochè invariato. Ancora in giunta, anche se con incarichi diversi, Francesca Lucchi e Luca Ferrini. Resta fuori invece Carlo Verona, già assessore alla cultura, il cui assessorato è stato inglobato da quello al bilancio, guidato da Acerbi: “Il risultato che abbiamo avuto credo abbia dato un giudizio positivo sul nostro operato quindi sono partito dalle riconferme – spiega Enzo Lattuca - ma ci sono anche 3 nuovi ingressi” Si tratta di Elena Baredi, alla scuola, Andrea Bertani alla sostenibilità ambientale e Giorgia Macrelli, 28 anni, che si occuperà di politiche giovanili: “Cesena è già molto avanti ma c’è comunque tanto da fare – spiega Giorgia Macrelli - Io mi sento pronta per lavorare nel tessuto sociale e sui giovani.Quello che intendo fare è entrarci ancora di più, ascoltare i bisogni dei cittadini e poi agire per il bene della società” 9 assessori in totale, due in più della giunta precedente, per effettuo della qualifica del Comune di Cesena a capoluogo di provincia. Anche i consiglieri comunali passano da 24 a 32: “Non è una rivoluzione ma penso sia un giusto riconoscimento per una città che ha bisogno di una rappresentanza importante” chiude Lattuca