9 MARZO 2024

09:22

NOTIZIA DI POLITICA

DI

694 visualizzazioni


9 MARZO 2024 - 09:22


NOTIZIA DI POLITICA

DI

694 visualizzazioni



BOLOGNA: Il cantiere del tram arriva in centro, rivoluzione per viabilità, bus e parcheggi

Il cantiere del tram di Bologna arriva anche in centro, coi lavori che da aprile, fino ai successivi 16 mesi, avranno inevitabilmente un impatto importante sulla vita quotidiana di commercianti e residenti della zona di via Riva Reno, ma anche sulla viabilità, il trasporto pubblico locale e i parcheggi

 

Il cantiere del tram di Bologna arriva anche in centro, con lavori, della durata di 16 mesi, che dovrebbero partire da via Riva Reno ad aprile, una volta ottenuto il nullaosta definitivo della sovrintendenza. Prevista la scopertura del di un tratto del canale fra la rotonda di piazza Azzarita e via Brugnoli, con nuovi spazi comuni, percorsi pedonali e ciclabili e nuovo verde pubblico. L'11 marzo al via la cantierizzazione con la rimozione della linea aerea del filobus; mentre in estate chiuderà l'incrocio con via Lame e da lì sarà davvero rivoluzione, anche in termini di trasporto pubblico locale; già partiti gli incontri coi commercianti, per i quali è stato istituito un fondo di sostegno fino al termine dei lavori, e quelli coi residenti, con un sito ad hoc per tutte le informazioni. “Questo non è il mandato in cui il tram si annuncia ma quello in cui si fa” commenta il sindaco Lepore, che aggiunge: “Il tram è una rivoluzione per Bologna, perché consentirà a centomila passeggeri al giorno di attraversare la città e e in centro storico porterà una grande riqualificazione urbana, in particolare per una via che è molto vissuta, ma da sempre vista come una grande area di parcheggio. Sarà una grandissima opportunità anche per i circa 400 commercianti della zona”. Circa 125 i parcheggi in meno alla fine dei lavori, ma l'assessora Valentina Orioli, assessora: “Faremo fronte con diverse misure, come l'aumento delle strisce bianche per i residenti e quelle blu ad alta rotazione, o come accordi per agevolazioni sulle tariffe mensili del parcheggio Apcoa di via Riva Reno”.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Europee, l’affondo di FdI, “Bonaccini si dimetta” | VIDEO

La candidatura del presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini alle elezioni europee ha provocato forti critiche da parte di Fratelli d’Italia. “Bonaccini che si candida alle Europee è come Schettino che abbandona la nave dopo averla fatta affondare”, è il duro affondo di Stefano Cavedagna, presidente del gruppo consigliare di Fratelli d’Italia a Bologna e candidato a sua volta al Parlamento europeo nella Circoscrizione Nord-Est, così come il collega di partito Guglielmo Garagnani, presidente uscente di Confagricoltura Bologna. “Dovrebbe avere la decenza di dimettersi subito e lasciare spazio ad una nuova guida della Regione”, continua Cavedagna. La candidatura europea del governatore apre la corsa a viale Aldo Moro, le elezioni si terranno probabilmente a novembre. Per il partito di Giorgia Meloni il lavoro di Bonaccini ha diverse ombre. “Ad un anno dall’alluvione in Emilia-Romagna – prosegue Cavedagna - con enormi buchi sulla sanità, dopo aver monopolizzato la stampa locale dicendo che si sarebbe impegnato per la nostra regione, scappa in Europa per il posto comodo”, chiude il meloniano. Il Movimento 5Stelle intanto guarda alle prossime regionali con ottimismo. “In regione Emilia-Romagna si volta pagina, dopo dieci anni, e nel campo progressista c’è l’opportunità e l’occasione di costruire un nuovo percorso politico condiviso forte, credibile, innovativo – commenta Marco Croatti, senatore riminese pentastellato - che potrà mostrare a tutto il Paese una politica davvero alternativa a quella classista, eversiva, lobbista della destra di Meloni e Salvini”.