20 MARZO 2024

13:32

NOTIZIA DI POLITICA

DI

354 visualizzazioni


20 MARZO 2024 - 13:32


NOTIZIA DI POLITICA

DI

354 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Passante Bologna, Tpl e Zls Ravenna, la Regione chiede risposte a Salvini

Dal Passante di Bologna alla Zls del porto di Ravenna, passando per Cispadana, elettrificazione della rete ferroviaria e città 30: sono alcuni dei temi affrontati in Regione in un incontro sui 10 anni di politiche per la mobilità in Emilia-Romagna, col ministro dei trasporti, Matteo Salvini, in videocollegamento. “Le porte del Mit sono sempre aperte, ma niente spazio a posizione ideologiche” il punto fermo ribadito dal vicepremier

 

“Le porte del ministero sono sempre aperte, ma niente spazio a posizione ideologiche”. È questo, in estrema sintesi, il messaggio del responsabile del Mit, Matteo Salvini, in videocollegamento con la sede della Regione Emilia-Romagna in apertura di una giornata dedicata a per fare il punto sugli ultimi dieci anni di politiche per la mobilità lungo la via Emilia, fra progetti futuri e obiettivi raggiunti. Il sindaco del capoluogo Matteo Lepore, oltre a ricordare gli investimenti da 1,1 miliardi di euro in città su infrastrutture e trasporto pubblico locale, 30 milioni per la cosiddetta mobilità dolce e altri 7 per la manutenzione delle strade, è inevitabilmente tornato sulla città 30 e soprattutto sul Passante, attualmente fermo al lotto zero, in attesa dello sblocco di 3,5 miliardi proprio da parte del Mit. “Su questo non sono arrivate risposte, scriverò una lettera al ministro a riguardo, così come farò anche con la premier Meloni riguardo il nuovo codice della strada, perché rappresenterà un passo indietro” ha detto Lepore.

Altro tema caldo, la Zona Logistica Semplificata al porto di Ravenna. “Sono due anni che la stiamo aspettando, speriamo il Governo si muova il prima possibile” commenta l'assessore Corsini.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Europee, l’affondo di FdI, “Bonaccini si dimetta” | VIDEO

La candidatura del presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini alle elezioni europee ha provocato forti critiche da parte di Fratelli d’Italia. “Bonaccini che si candida alle Europee è come Schettino che abbandona la nave dopo averla fatta affondare”, è il duro affondo di Stefano Cavedagna, presidente del gruppo consigliare di Fratelli d’Italia a Bologna e candidato a sua volta al Parlamento europeo nella Circoscrizione Nord-Est, così come il collega di partito Guglielmo Garagnani, presidente uscente di Confagricoltura Bologna. “Dovrebbe avere la decenza di dimettersi subito e lasciare spazio ad una nuova guida della Regione”, continua Cavedagna. La candidatura europea del governatore apre la corsa a viale Aldo Moro, le elezioni si terranno probabilmente a novembre. Per il partito di Giorgia Meloni il lavoro di Bonaccini ha diverse ombre. “Ad un anno dall’alluvione in Emilia-Romagna – prosegue Cavedagna - con enormi buchi sulla sanità, dopo aver monopolizzato la stampa locale dicendo che si sarebbe impegnato per la nostra regione, scappa in Europa per il posto comodo”, chiude il meloniano. Il Movimento 5Stelle intanto guarda alle prossime regionali con ottimismo. “In regione Emilia-Romagna si volta pagina, dopo dieci anni, e nel campo progressista c’è l’opportunità e l’occasione di costruire un nuovo percorso politico condiviso forte, credibile, innovativo – commenta Marco Croatti, senatore riminese pentastellato - che potrà mostrare a tutto il Paese una politica davvero alternativa a quella classista, eversiva, lobbista della destra di Meloni e Salvini”.