11 MARZO 2024

11:33

NOTIZIA DI POLITICA

DI

616 visualizzazioni


11 MARZO 2024 - 11:33


NOTIZIA DI POLITICA

DI

616 visualizzazioni



FORLÌ: Elezioni, Zattini e Rinaldini inaugurano i comitati elettorali | VIDEO

Parliamo delle prossime elezioni a Forlì. Sabato i due candidati, Zattini e Rinaldini, hanno inaugurato le i rispettivi comitati elettorali. Entrambi si dicono sicuri della vittoria.

Da una parte Gian Luca Zattini, sindaco in carica, che punta alla riconferma. Dall’altra lo sfidante Graziano Rinaldini, l’uomo scelto dal centrosinistra per tornare ad amministrare la città. Prosegue in parallelo il percorso dei sue candidati alla poltrona di primo cittadino del Comune di Forlì. Sabato entrambi hanno inaugurato le sedi dei rispettivi comitati elettorali. Il sindaco in carica Zattini ha tagliato il nastro in piazza Saffi, assieme alla lista civica “Forlì Cambia” e ai rappresentanti dei diversi partiti che appoggiano la sa ricandidatura.

“La prima promessa è che io sarò il primo sindaco dopo 20 anni che a fare il secondo mandato – spiega Zattini – Quando mi sono insediato feci due sogni, la facoltà di medicina a Forlì e la riapertura dell’aeroporto. Già dopo 6 mesi avevo finito il mio compito”

A 500 metri di distanza, in piazza Cavour, Graziano Rinaldini che si dice fiducioso sul poter vincere le elezioni già al primo turno. Il candidato del centrosinistra sta battendo in lungo e in largo la città per dar forza alla sua proposta politica.

“Sta andando molto bene – spiega Rinaldini – sento entusiasmo e molta voglia di cambiare”

Si deciderà tutto nel fine settimana dell’8 e 9 giugno. In caso di ballottaggio il secondo turno sarà invece il 22 e 23 giugno.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Europee, l’affondo di FdI, “Bonaccini si dimetta” | VIDEO

La candidatura del presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini alle elezioni europee ha provocato forti critiche da parte di Fratelli d’Italia. “Bonaccini che si candida alle Europee è come Schettino che abbandona la nave dopo averla fatta affondare”, è il duro affondo di Stefano Cavedagna, presidente del gruppo consigliare di Fratelli d’Italia a Bologna e candidato a sua volta al Parlamento europeo nella Circoscrizione Nord-Est, così come il collega di partito Guglielmo Garagnani, presidente uscente di Confagricoltura Bologna. “Dovrebbe avere la decenza di dimettersi subito e lasciare spazio ad una nuova guida della Regione”, continua Cavedagna. La candidatura europea del governatore apre la corsa a viale Aldo Moro, le elezioni si terranno probabilmente a novembre. Per il partito di Giorgia Meloni il lavoro di Bonaccini ha diverse ombre. “Ad un anno dall’alluvione in Emilia-Romagna – prosegue Cavedagna - con enormi buchi sulla sanità, dopo aver monopolizzato la stampa locale dicendo che si sarebbe impegnato per la nostra regione, scappa in Europa per il posto comodo”, chiude il meloniano. Il Movimento 5Stelle intanto guarda alle prossime regionali con ottimismo. “In regione Emilia-Romagna si volta pagina, dopo dieci anni, e nel campo progressista c’è l’opportunità e l’occasione di costruire un nuovo percorso politico condiviso forte, credibile, innovativo – commenta Marco Croatti, senatore riminese pentastellato - che potrà mostrare a tutto il Paese una politica davvero alternativa a quella classista, eversiva, lobbista della destra di Meloni e Salvini”.