10 MARZO 2024

09:44

NOTIZIA DI POLITICA

DI

848 visualizzazioni


10 MARZO 2024 - 09:44


NOTIZIA DI POLITICA

DI

848 visualizzazioni



FORLI’: Elezioni, parte la corsa di Zattini che punta al bis | FOTO

Inaugurata questa mattina, in Piazza Saffi, la sede del comitato elettorale di "La Civica - Forlì Cambia", la lista civica a sostegno di Gian Luca Zattini, il sindaco uscente di Forlì e che si presenta per il bis come candidato della coalizione di centrodestra. Presenti alcune centinaia di persone, Zattini ha ripercorso le tappe della sua legislatura: "Cinque anni fa ho trovato una città ingessata, senza progetti per il futuro. Al mio fianco ho avuto una squadra straordinaria, che non ha mai avuto momenti di crisi, con ciascuno che ha fatto la propria parte per arrivare ad un obiettivo comune. Abbiamo cercato di recuperare luoghi in stato di abbandono e porteremo avanti il percorso di recupero. Sento attorno - ha aggiunto Zattini - tanto entusiasmo e ho bisogno di completare un percorso". Il sindaco uscente ha citato tra gli obiettivi della città la sistemazione, dopo l'acquisto, della grande zona dell'ex Eridania e la riqualificazione dell'ex Hotel della Città in studentato universitario. Tra i "sogni diventati realtà" citati l'arrivo della Facoltà di Medicina e la riapertura dell'aeroporto di Forlì. E Zattini ha annunciato il suo impegno verso il settore aeronautico: "Forlì è una città del volo ed ha tutte le condizioni per diventare uno dei poli nazionali attorno ai temi dell'aeronautica e dell'aerospazio. E' un progetto che stiamo portando avanti assieme alla Fondazione Carisp, al governo e alla regione".




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Europee, l’affondo di FdI, “Bonaccini si dimetta” | VIDEO

La candidatura del presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini alle elezioni europee ha provocato forti critiche da parte di Fratelli d’Italia. “Bonaccini che si candida alle Europee è come Schettino che abbandona la nave dopo averla fatta affondare”, è il duro affondo di Stefano Cavedagna, presidente del gruppo consigliare di Fratelli d’Italia a Bologna e candidato a sua volta al Parlamento europeo nella Circoscrizione Nord-Est, così come il collega di partito Guglielmo Garagnani, presidente uscente di Confagricoltura Bologna. “Dovrebbe avere la decenza di dimettersi subito e lasciare spazio ad una nuova guida della Regione”, continua Cavedagna. La candidatura europea del governatore apre la corsa a viale Aldo Moro, le elezioni si terranno probabilmente a novembre. Per il partito di Giorgia Meloni il lavoro di Bonaccini ha diverse ombre. “Ad un anno dall’alluvione in Emilia-Romagna – prosegue Cavedagna - con enormi buchi sulla sanità, dopo aver monopolizzato la stampa locale dicendo che si sarebbe impegnato per la nostra regione, scappa in Europa per il posto comodo”, chiude il meloniano. Il Movimento 5Stelle intanto guarda alle prossime regionali con ottimismo. “In regione Emilia-Romagna si volta pagina, dopo dieci anni, e nel campo progressista c’è l’opportunità e l’occasione di costruire un nuovo percorso politico condiviso forte, credibile, innovativo – commenta Marco Croatti, senatore riminese pentastellato - che potrà mostrare a tutto il Paese una politica davvero alternativa a quella classista, eversiva, lobbista della destra di Meloni e Salvini”.