7 FEBBRAIO 2024

14:54

NOTIZIA DI POLITICA

DI

515 visualizzazioni


7 FEBBRAIO 2024 - 14:54


NOTIZIA DI POLITICA

DI

515 visualizzazioni



BOLOGNA: Accordo Comune-Unibo per la Garisenda, “messa in sicurezza entro 2024” | VIDEO

Comune e Università di Bologna ancora insieme per il monitoraggio a lungo termine delle torri Asinelli e soprattutto Garisenda, col sindaco Lepore che assicura: “La messa in sicurezza terminerà entro fine 2024, poi al via il restauro. Il tutto di certo non durerà più di 10 anni”

Sottoscritto un nuovo accordo quadro fra Comune e Università di Bologna per il monitoraggio e l'interpretazione dei dati a lungo termine relativi alle torri Garisenda e Asinelli. Obiettivo: mettere insieme dati e convenzioni con l'Alma Mater dal 1972 ad oggi, ricevere quel supporto tecnico-scientifico multidisciplinare che l'ateneo può garantire e svolgere attività congiunte da qui ai prossimi tre anni. Fondamentale l'elaborazione di un modello matematico, detto gemello digitale, per capire il comportamento delle torri, con la Garisenda che, assicurano dal Comune, non riscontra peggioramenti e per la quale tramonta l'idea di incapsulamento per la messa in sicurezza, che dovrebbe finire entro l'anno, col restauro al via nel 2025. A fine mese quindi dovrebbe terminare la posa dei container protettivi. Intanto sono 4,2, i milioni arrivati tramite raccolta fondi anche per la manutenzione della Torre degli Asinelli. Risorse importanti, dice Lepore, per anticipare quelli del Pnrr che arriveranno in seguito. Quanto alla durata degli interventi: “Non più di 10 anni”.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Fine vita, dibattito in Forza Italia, Aiello per "rispettare scelte malato"

Dopo il congresso nazionale, c’è dibattito dentro Forza Italia sui temi etici. Dall’Emilia-Romagna, regione in cui la giunta regionale di centrosinistra ha lanciato una prima regolamentazione sul fine vita, è il movimento giovanile azzurro, guidato localmente da Daniele Aiello, che va in controtendenza rispetto alla sua collega di partito, la consigliere regionale Valentina Castaldini: “il nostro partito – dice Aiello - non deve imporre una propria visione etica ma mettere ognuno nelle condizioni di esercitare le scelte individuali. Si offrano le migliori cure palliative ma se a un certo punto un malato vuole evitare l'accanimento terapeutico va messo nelle condizioni di poterlo fare. Non sono battaglie della sinistra, ma liberali”. Castaldini, di area cattolica, da subito aveva annunciato ricorso al Tar contro le determinazioni sul tema della giunta Bonaccini. “Torniamo sui territori forti di un congresso alle spalle – chiosa Aiello - che ha visto una grandissima partecipazione e l’elezione del segretario nazionale Antonio Tajani e tra i vice Stefano Benigni, un volto giovane espressione del nostro movimento giovanile. Si è ribadito il grande spazio che c’è tra Schlein e Meloni, ma se Forza Italia vuole acquisire il consenso di quella parte di elettorato senza partito, deve essere quello che è per sua natura, ovvero per la libertà non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto sociale e individuale. Forza Italia apra a diritti lgbt, il mondo lgbt va ascoltato e tutelato, affinché nessuno si senta discriminato o lasciato indietro”.