11 FEBBRAIO 2024

10:00

NOTIZIA DI POLITICA

DI

626 visualizzazioni


11 FEBBRAIO 2024 - 10:00


NOTIZIA DI POLITICA

DI

626 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Carenza di risorse e personale, i medici chiedono alla politica riforme

Carenza di risorse e di personale, fuga verso il privato e continui tagli sono solo alcuni dei problemi del sistema sanitario nazionale al centro di un convegno organizzato a Bologna dall'ordine provinciale dei medici, che chiedono maggiore trasparenza e nuove riforme al mondo della politica anche regionale

Carenza di risorse e di personale, disuguaglianze anche territoriali, doppi turni, fuga verso il privato, stipendi fermi e professionisti aggrediti e poco gratificati. I tanti problemi del sistema sanitario nazionale, costantemente alle prese con la necessità di mantenere un equilibrio tra il far quadrare i conti e il garantire un diritto costituzionale come quello dell'accesso alle cure, al centro di un convengo organizzato dall'ordine dei medici di Bologna, con addetti ai lavori, esperti, come il numero uno della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta, e una rappresentanza trasversale della politica nostrana. Assente l'assessore regionale Donini, nel programma per errore, dicono fonti di viale Aldo Moro.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

BOLOGNA: Misure cautelari dopo lo sgombero, collettivi in presidio | VIDEO

Presidio dei collettivi a Bologna dopo le misure cautelari di divieto di dimora nei confronti di sei attivisti, dopo lo sgombero dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in via Mazzini. “Misure fasciste e repressive” attaccano i manifestanti, annunciando una lunga serie di iniziative che già da sabato, a Ferrara, preannunciano una primavera calda in tutta la regione Conferenza stampa-presidio nel cortile del Comune di Bologna dopo le 12 denunce e le sei misure cautelari di divieto di dimora nel territorio metropolitano, eseguite nei giorni scorsi dalla Digos, in seguito allo sgombero dello scorso 6 ottobre, con scontri, dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in uno stabile di proprietà di una congregazione di suore in via Mazzini. I sei attivisti colpiti dal provvedimento, con un team legale già a lavoro per chiederne la revoca, adesso sono ospiti di alcuni compagni di Reggio Emilia, solidali con loro, come numerose sigle, collettivi e movimenti bolognesi e non solo, considerando la tensione nelle ultime settimane un po' dappertutto nel Paese. Ad assistere alla conferenza anche la vicesindaca Emily Clancy ed esponenti della maggioranza comunale extra-Pd. A manifestare, annunciando una serie di iniziative che già da sabato a Ferrara prospettano una primavera calda in tutta la regione, anche Martina, attivista di Labas, sulle prime pagine col volto sanguinante proprio il giorno dello sgombero per le ferite riportate in seguito agli scontri, che videro coinvolti anche di tre agenti. Quello che l'ha colpita è stato denunciato, assicura la giovane, che parla inoltre di falsità riportate nelle notifiche, sulle quali si leggerebbe che la studentessa si sia fatta male da sola, scivolando.