25 SETTEMBRE 2023

11:27

NOTIZIA DI POLITICA

DI

863 visualizzazioni


25 SETTEMBRE 2023 - 11:27


NOTIZIA DI POLITICA

DI

863 visualizzazioni



ROMAGNA: "Fondi alluvione tolti alle scuole", scontro col Governo | VIDEO

Botta e risposta tra Governo e istituzioni locali per lo stanziamento dei fondi per l’alluvione di maggio in Emilia-Romagna. Al centro della polemica la sparizione di alcuni fondi destinati alle scuole, ma non solo.

“Le bugie del governo hanno le gambe corte” così il sindaco di Ravenna Michele De Pascale che sulla sua pagina Facebook denuncia quella che, a suo dire, è una “incoerenza fra le promesse fatte dal governo e i provvedimenti effettivamente presi”. Si parla ancora una volta dei fondi destinati all’alluvione di maggio. Domenica il generale Figliuolo, intervistato dal Resto del Carlino, ha parlato di 2,7 miliardi. Una misura molto inferiore rispetto a quella annunciata dalla premier Meloni, che ad agosto aveva comunicato di aver stanziato 4,6 miliardi per la ricostruzione.

“Come purtroppo temevamo, le risorse stanziate dal Governo per l'alluvione, invece di aumentare, stanno progressivamente venendo spostate su altri capitoli” spiega De Pascale, che cita l’esempio del fondi destinati alle scuole. Inizialmente erano 20 milioni, che poi sono diventati 10. La metà è stata dirottata nel cosiddetto decreto Caivano, che prevede misure di contrasto al disagio giovanile. “Una cifra non certo risolutiva” – precisa il sindaco di Ravenna, preoccupato del fatto che la vicenda possa ripetersi con altre voci di spesa, come ad esempio il famoso miliardo inizialmente destinato a cassa integrazione ed export. Con lui anche Bonaccini: “Invece di aumentare, le risorse diminuiscono” commenta il presidente di Regione.

Una versione dei fatti fortemente negata dal Governo: “Tutte le richieste per i rimborsi dei danni alle scuole sono stati accolti” scrive il ministero dell’istruzione in una nota. 10 milioni, chiesti dagli istituti, sono stati spesi mentre i restanti fondi, esattamente 9.825.264 euro avrebbe costituito, si legge nella nota : “una economia non altrimenti utilizzabile”




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

FORLI’: Zattini bis, presentati gli assessori e deleghe, Bongiorno vicesindaco

4 donne e 5 uomini , dopo quasi due settimane di incontri e discussioni la nuova Giunta del Comune di Forlì è stata ufficialmente presentata alla città con 4 riconferme e 5 new entry. Per sé, il rieletto sindaco Gian Luca Zattini ha tenuto i rapporti istituzionali, sanità e le competenze che fanno riferimento all’alluvione: vigilanza sulle politiche per la ricostruzione del post alluvione e i rapporti con commissario straordinario, oltre che la Protezione civile. Le novità sono il vicesindaco, Vincenzo Bongiorno, di Fratelli d’Italia e più votato della sua lista con cultura, partecipazione e quartieri, politiche per la famiglia e centro. Luca Bartolini(FdI), rigenerazione urbana, edilizia privata, grandi opere e polizia locale. La terza assessora di FdI è Emanuela Bassi avrà Pnrr, agricoltura, rapporti col consiglio comunale, servizi al cittadino, toponomastica e legalità. Ad Angelica Sansavini, va il welfare, diritti civili e umani, politiche per la casa e volontariato. Kevin Bravi (Civica), sport, turismo e marketing territoriale, politiche del lavoro, politiche internazionali. Tra i riconfermati, Paola Casara la più votata della Civica: istruzione, politiche giovanili e servizio civile, sviluppo economico, Forlì città universitaria e il progetto Forlì aerospazio. A Vittorio Cicognani: bilancio, società partecipate e patrimonio immobiliare, lavori pubblici. A Giuseppe Petetta di Forza Italia: transizione ecologica ed energetica, Forlì città verde, benessere animale, mobilità. Infine ad Andrea Cintorino ( Lega)  vanno transizione digitale e smart city, Romagna Next, pari opportunità e differenze di genere e grandi eventi della città, fiere e mercati.