13 MARZO 2023

11:27

NOTIZIA DI POLITICA

DI

1315 visualizzazioni


13 MARZO 2023 - 11:27


NOTIZIA DI POLITICA

DI

1315 visualizzazioni



ROMA: Direzione Pd, Emma Petitti guida la truppa emiliano-romagnola | VIDEO

Tra gli eletti alla direzione nazionale del Partito Democratico c’è anche Emma Petitti, presidente dell’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna che ha sostenuto Elly Schlein alle primarie.

E’ un Pd a forte trazione emiliano-romagnola quello uscito dal congresso che ha incoronato Elly Schlein. Alla nuova segretaria, bolognese di adozione, e al presidente della regione Bonaccini si sono aggiunti tanti nomi del territorio eletti alla direzione nazionale. Tra questi, spicca Emma Petitti presidente dell’assemblea legislativa emiliano-romagnola, una dei pochi in regione a credere e a sostenere l’elezione di Schlein alle primarie.

Ci ha subito accumunato un intento forte di rinnovare il nostro partito – spiega Emma Petitti -  aprendolo a quante più persone possibili.  Abbiamo fatto un ottimo lavoro e questo è stato per me un riconoscimento da parte di Elly per continuare a lavorare nei prossimi mesi

Alla sua elezione si affianca la nomina di presidente per Bonaccini, una scelta non scontata.

Con questa linea politica Elly ha voluto dire a tutto il partito che ora si lavora insieme

Non solo Petitti, nella direzione del Pd c’è tanta emilia-romagna. Dal sindaco di Ravenna De Pascale, all’assessore regionale Corsini, dal sindaco di Lugo, Ranalli alla prima cittadina di Santarcangelo Alice Parma. Poi la “sardina” Mattia Santori, l’europarlamentare Elisabetta Gualmini e Sandra Zampa, già sottosegretaria al Ministero della Salute.

Possiamo dire che l’Emilia-Romagna oggi è un modello che può trainare la sinistra nel paese per diventare sempre più forte anche a livello europeo




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

BOLOGNA: Misure cautelari dopo lo sgombero, collettivi in presidio | VIDEO

Presidio dei collettivi a Bologna dopo le misure cautelari di divieto di dimora nei confronti di sei attivisti, dopo lo sgombero dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in via Mazzini. “Misure fasciste e repressive” attaccano i manifestanti, annunciando una lunga serie di iniziative che già da sabato, a Ferrara, preannunciano una primavera calda in tutta la regione Conferenza stampa-presidio nel cortile del Comune di Bologna dopo le 12 denunce e le sei misure cautelari di divieto di dimora nel territorio metropolitano, eseguite nei giorni scorsi dalla Digos, in seguito allo sgombero dello scorso 6 ottobre, con scontri, dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in uno stabile di proprietà di una congregazione di suore in via Mazzini. I sei attivisti colpiti dal provvedimento, con un team legale già a lavoro per chiederne la revoca, adesso sono ospiti di alcuni compagni di Reggio Emilia, solidali con loro, come numerose sigle, collettivi e movimenti bolognesi e non solo, considerando la tensione nelle ultime settimane un po' dappertutto nel Paese. Ad assistere alla conferenza anche la vicesindaca Emily Clancy ed esponenti della maggioranza comunale extra-Pd. A manifestare, annunciando una serie di iniziative che già da sabato a Ferrara prospettano una primavera calda in tutta la regione, anche Martina, attivista di Labas, sulle prime pagine col volto sanguinante proprio il giorno dello sgombero per le ferite riportate in seguito agli scontri, che videro coinvolti anche di tre agenti. Quello che l'ha colpita è stato denunciato, assicura la giovane, che parla inoltre di falsità riportate nelle notifiche, sulle quali si leggerebbe che la studentessa si sia fatta male da sola, scivolando.