5 NOVEMBRE 2023

05:16

NOTIZIA DI POLITICA

DI

868 visualizzazioni


5 NOVEMBRE 2023 - 05:16


NOTIZIA DI POLITICA

DI

868 visualizzazioni



BOLOGNA: Verso l’espulsione dalla Lega del nipote di Marco Biagi

Si chiudono le porte della Lega di Bologna per il consigliere e portavoce del Carroccio felsineo a Palazzo d'Accursio, per Giulio Venturi nipote del giuslavorista ucciso dalle Br, Marco Biagi. La sua uscita di scena, come riporta la stampa locale, sarebbe stata decisa dal direttivo provinciale leghista a seguito di una diatriba sorta all'interno del partito dopo che Venturi lo scorso 30 ottobre, alla vigilia di Halloween, aveva preso la parola in consiglio comunale invitando a usare "pesanti manganellate e bastonate tra capo e collo" nella gestione degli eccessi della cosiddetta della malamovida e dei comportamenti degli ambientalisti di 'Ultima Generazione' che, durante una manifestazione - poi ripetuta nei giorni scorsi - avevano bloccato la tangenziale. Parole sgradite dai vertici del Carroccio bolognese che avevano subito preso le distanze. Lo stesso segretario cittadino Cristiano Di Martino si era smarcato dalla presa di posizione di Venturi sottolineando come "le dichiarazioni sull'uso del manganello non appartengano alla cultura del nostro partito". Dal canto suo Venturi, che aveva anche annunciato che ci sarebbe stata una riunione del direttivo della Lega "per analizzare le mie dichiarazioini" non aveva mancato di replicare, anche sul suo profilo Facebook. Quattro giorni fa, il consigliere comunale scriveva sul social media che "il direttivo ed i dirigenti bolognesi e provinciali attuali del partito sono la causa della scomparsa della Lega dai radar in città quindi anche la presa di distanza dalle mie parole su come agire contro la malamovida ne sono la logica conseguenza". Due giorni fa, invece: "seconda occupazione degli attivisti di 'Ultima Generazione' in 3 giorni e poi c'è chi ancora sostiene che esagero quando dico che occorre usare il manganello&hellip giusto parlare con questi bravi ragazzi!". Ora, a quanto pare, l'epilogo con la possibile espulsione dal partito. Provvedimento che Venturi può impugnare e contro cui può fare fare ricorso. Se dovesse uscire dal consiglio comunale, in assise, per la Lega, resterebbe solo Matteo Di Benedetto.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

CESENA: Presentata la nuova giunta, 6 riconferme e 3 novità | VIDEO

E’ pronta la nuova giunta del Comune di Cesena. Il sindaco Enzo Lattuca, appena rieletto per il secondo mandato con una ampia maggioranza, ha presentato la sua nuuova squadra. Una esclusione, tante riconferme e qualche nome nuovo. Questa la nuova giunta comunale di Cesena, presentata dal sindaco Enzo Lattuca dopo la riconferma alla guida della città. 9 assessori, 5 donne e 4 uomini. Di questi, ben 6 sono quelli confermati, anche se non tutti con lo stesso ruolo. Tra i capisaldi ci sono il vicesindaco Cristian Castorri, assieme a Camillo Acerbi, Carmelina Labruzzo e Cristina Mazzoni, il cui ruolo resta pressochè invariato. Ancora in giunta, anche se con incarichi diversi, Francesca Lucchi e Luca Ferrini. Resta fuori invece Carlo Verona, già assessore alla cultura, il cui assessorato è stato inglobato da quello al bilancio, guidato da Acerbi: “Il risultato che abbiamo avuto credo abbia dato un giudizio positivo sul nostro operato quindi sono partito dalle riconferme – spiega Enzo Lattuca - ma ci sono anche 3 nuovi ingressi” Si tratta di Elena Baredi, alla scuola, Andrea Bertani alla sostenibilità ambientale e Giorgia Macrelli, 28 anni, che si occuperà di politiche giovanili: “Cesena è già molto avanti ma c’è comunque tanto da fare – spiega Giorgia Macrelli - Io mi sento pronta per lavorare nel tessuto sociale e sui giovani.Quello che intendo fare è entrarci ancora di più, ascoltare i bisogni dei cittadini e poi agire per il bene della società” 9 assessori in totale, due in più della giunta precedente, per effettuo della qualifica del Comune di Cesena a capoluogo di provincia. Anche i consiglieri comunali passano da 24 a 32: “Non è una rivoluzione ma penso sia un giusto riconoscimento per una città che ha bisogno di una rappresentanza importante” chiude Lattuca