17 NOVEMBRE 2023

10:14

NOTIZIA DI POLITICA

DI

264 visualizzazioni


17 NOVEMBRE 2023 - 10:14


NOTIZIA DI POLITICA

DI

264 visualizzazioni



RIMINI: Presentato il bilancio, più 3 milioni dall'imposta di soggiorno | VIDEO

Il Comune di Rimini ha presentato la manovra di bilancio. Nessun innalzamento delle tasse previsto, sale solo l’imposta di soggiorno. A preoccupare la Giunta sono i possibili tagli di Roma agli Enti locali.

 

Tra un anno esatto il debito pubblico di Rimini sarà ridotto di 19 milioni di euro rispetto all’inizio del mandato dell’attuale amministrazione comunale. Il bilancio appena varato non prevede aumenti dei tributi comunali per i cittadini: saranno 59 mila i riminesi esenti dall’addizionale Irpef. Confermata anche la gratuità degli asili per le fasce di reddito più basse.

Le tariffe dell’imposta di soggiorno, ferme dal 2018, sono invece state ritoccate e si prevede che apporteranno nuove entrate per 3 milioni di euro da spendere in promozione all’estero, trasporto pubblico e manutenzione del Parco del mare. La Giunta teme però possibili tagli dal governo centrale stimati in 2,3 milioni di euro.

Tra le grandi opere previste, oltre all’estensione del nuovo lungomare e del Metromare fino in fiera, anche il parcheggio interrato di piazzale Marvelli.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

BOLOGNA: Rimpasto di giunta, nuove deleghe per Garisenda e disabilità

Mini-rimpasto di deleghe in giunta a Bologna. Il sindaco Matteo Lepore riassegna quelle rimesse non senza polemiche dalla consigliera pd Cristina Ceretti, delegata a disabilità e famiglia, e scorpora fra diversi assessorati i compiti riguardo le varie fasi del restauro della torre Garisenda e il nuovo volto del centro una volta terminato l'intervento, alleggerendo il carico sulla responsabile alle infrastrutture, Valentina Orioli   L'imprevisto Garisenda, oltre alla necessità di riassegnare le deleghe rimesse circa un mese fa, e non senza polemiche sulla carenza di risorse a disposizione dalla consigliera lettiana del Pd Cristina Ceretti, sono alla base del mini rimpasto di compiti deciso a Bologna dal sindaco Matteo Lepore, che rivendica: “Questa è una giunta con le maniche rimboccate, stiamo realizzando più di tutti negli ultimi trent'anni, andiamo avanti determinati nonostante i calci agli stinchi”. Le deleghe di Ceretti vengono divise fra lo stesso Lepore, che tiene quella alla famiglia e il responsabile del Welfare Rizzo Nervo, che prende la delega alla disabilità, mentre alla delegata Erika Capasso va la sussidiaretà circolare. A lei anche la riforma dei quartieri. Daniele Ara, scuola, avrà anche educazione alla pace e alla non violenza. Alleggerito inoltre il peso su Valentina Orioli, alle infrastrutture. Anna Lisa Boni si occuperà anche di Garisenda e Portici, la vicesindaca Emily Clancy di politiche ambientali e l'assessore all'urbanistica Raffaele Laudani alla pianificazione del centro post interventi alla torre. Massimo Bugani assume la nuova delega a monitoraggio e comunicazione cantieri, oltre alla protezione civile, in eredità da Borsari, lavori pubblici, il quale diventa anche referente per l'abbattimento delle barriere architettoniche. La new entry è Lorenzo Cipriani, nominato consigliere delegato per diritti e benessere degli animali al posto di Davide Celli dei Verdi, che aveva lasciato un anno fa. Insieme ai colleghi Santori e Monticelli, diventa membro permanente in giunta. Messaggio finale per le opposizioni.