24 MAGGIO 2019

08:24

NOTIZIA DI POLITICA

DI

1850 visualizzazioni


24 MAGGIO 2019 - 08:24


NOTIZIA DI POLITICA

DI

1850 visualizzazioni



FERRARA: Amministrative 2019, ecco i candidati alla carica di sindaco | VIDEO

Tra i cittadini dell’Emilia-Romagna chiamati a eleggere il proprio sindaco e di conseguenza a rinnovare il consiglio comunale ci sono anche quelli di Ferrara. Otto sono i candidati, 17 invece il numero delle liste approvate. Di queste cinque appoggiano il centrodestra di Alan Fabbri, che si è presentato con la Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e con due liste civiche, Rinascita socialdemocratica Ferrara civica e Ferrara cambia. Il principale avversario esponente del centrosinistra è l’assessore uscente Aldo Modonesi, che corre con il simbolo del Partito Democratico e con le liste Gente a modo, Frazioni e quartieri e Modonesi sindaco insieme. Il movimento 5 stelle appoggia il candidato Tommaso Mantovani, che poco prima della scadenza per la presentazione delle liste ha ricevuto l’ok dallo staff nazionale. Roberta Fusari, unico volto femminile tra i candidati, è appoggiata da tre liste, +Europa Ferrara, Coalizione Civica e Azione civica. L’elenco continua con Alberto Bova, al timone di Ferrara Concreta Italia in comune mentre un altro dei cosiddetti civici Andrea Firrincieli con la lista Innova Fe. Si passa a Francesco Rendine a capo di Giustizia Onore libertà per poi concludere con Giorgio Massini legato alla lista Ferrara Libera.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

BOLOGNA: Misure cautelari dopo lo sgombero, collettivi in presidio | VIDEO

Presidio dei collettivi a Bologna dopo le misure cautelari di divieto di dimora nei confronti di sei attivisti, dopo lo sgombero dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in via Mazzini. “Misure fasciste e repressive” attaccano i manifestanti, annunciando una lunga serie di iniziative che già da sabato, a Ferrara, preannunciano una primavera calda in tutta la regione Conferenza stampa-presidio nel cortile del Comune di Bologna dopo le 12 denunce e le sei misure cautelari di divieto di dimora nel territorio metropolitano, eseguite nei giorni scorsi dalla Digos, in seguito allo sgombero dello scorso 6 ottobre, con scontri, dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in uno stabile di proprietà di una congregazione di suore in via Mazzini. I sei attivisti colpiti dal provvedimento, con un team legale già a lavoro per chiederne la revoca, adesso sono ospiti di alcuni compagni di Reggio Emilia, solidali con loro, come numerose sigle, collettivi e movimenti bolognesi e non solo, considerando la tensione nelle ultime settimane un po' dappertutto nel Paese. Ad assistere alla conferenza anche la vicesindaca Emily Clancy ed esponenti della maggioranza comunale extra-Pd. A manifestare, annunciando una serie di iniziative che già da sabato a Ferrara prospettano una primavera calda in tutta la regione, anche Martina, attivista di Labas, sulle prime pagine col volto sanguinante proprio il giorno dello sgombero per le ferite riportate in seguito agli scontri, che videro coinvolti anche di tre agenti. Quello che l'ha colpita è stato denunciato, assicura la giovane, che parla inoltre di falsità riportate nelle notifiche, sulle quali si leggerebbe che la studentessa si sia fatta male da sola, scivolando.