15 DICEMBRE 2015

12:33

NOTIZIA DI POLITICA

DI

927 visualizzazioni


15 DICEMBRE 2015 - 12:33


NOTIZIA DI POLITICA

DI

927 visualizzazioni



EMILIA- ROMAGNA: Abbattere le liste d'attesa, le priorità del presidente Bonaccini- VIDEO

In Emilia-Romagna oggi oltre il 90% delle prime visite e degli esami da parte della sanità pubblica viene garantito rispettivamente entro i tempi previsti, e cioè 30 e 60 giorni a seconda della tipologia. L’obiettivo di abbattimento dei tempi di attesa, una delle priorità del primo anno di mandato della giunta regionale, è stato dunque raggiunto. La conferma dalle prossime interviste filmato.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Pd e 5stelle, la vittoria in Sardegna spinge le alleanze alle comunali | VIDEO

La vittoria di Alessandra Todde in Sardegna scuote il panorama politico anche in Emilia-Romagna. L’alleanza tra Pd e Movimento 5 Stelle ne esce rafforzata e si potrebbe riproporre anche in molti comuni al voto tra pochi mesi. “La destra si può battere. Complimenti e buon lavoro alla Presidente Alessandra Todde. Ma anche tanti applausi ad Elly Schlein ed all’intera comunità del Partito Democratico. Adesso unire il centrosinistra e costruire l’alternativa nel Paese”. Queste le parole di Stefano Bonaccini che, a tarda notte, ha commentato la vittoria di Alessandra Todde, nuova presidente della regione Sardegna. Un risultato non scontato, nel quale, per poche migliaia di voti, il centrosinistra è riuscito a strappare la regione alla compagnie di centrodestra, che per 5 anni aveva governato con il leghista Solinas. Un ribaltamento frutto di quello che oramai viene comunemente riconosciuto come “il campo largo”, ossia l’alleanza tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Nel caso delle elezioni isolane sono stati addirittura i grillini ad esprimere il loro candidato, Alessandra Todde, aggiudicandosi per la prima volta il governo di una regione, ma decisivo è stato l’appoggio del Pd. Una intesa che, in molti casi, avrà seguito anche in Emilia-Romagna. Tanti i comuni che andranno al voto l’8 e il 9 giugno, con diversi sindaci appoggiati contemporaneamente da Pd e 5stelle. Guardando alle città maggiori, l’alleanza è già stata trovata a Ferrara e a Forlì. Nel capoluogo estense Fabio Anselmo sfiderà Alan Fabbri. Il nome è stato scelto dal Partito Democratico e i 5 Stelle hanno deciso di appoggiarlo, come da direttiva nazionale. Stesso copione a Forlì, con i Dem che hanno proposto Fabio Rinaldini e i 5 Stelle che hanno benedetto la candidatura. Diverso è il discorso per Cesena, dove il sindaco uscente Enzo Lattuca non sa ancora se potrà godere dell’appoggio dei grillini, che dopo tanti anni tra i banchi dell’opposizione in consiglio comunale non hanno ancora deciso se passare dall’altra parte. Chissà che la svolta del voto in Sardegna non possa essere utile a smuovere le acque.