Nazionali

Tennistavolo, a Paglia il titolo paralimpico di classe 2 ai Mondiali Master di Roma

NAZIONALI - Roma, 13 lug. (Adnkronos) - Il Tenente Colonnello Gianfranco Paglia, Medaglia d’Oro al Valor Militare e capitano del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, è uno dei protagonisti delle gare paralimpiche, che per la prima volta sono state inserite all’interno dei Campionati Mondiali Master di tennistavolo, in corso alla Nuova Fiera di Roma. Si è infatti aggiudicato il singolare in carrozzina di classe 2. «Lo sport è sempre bello - spiega - ed è soprattutto importante praticarlo. Riesce ad abbattere qualsiasi tipo di barriera, sia fisica sia mentale. Qui è fantastico, perché la Federazione Italiana Tennistavolo è riuscita a organizzare un evento meraviglioso in Italia. Sarebbe bello, e lo dico da soldato, se le guerre venissero fatte attraverso lo sport. Avremmo vinto tutti». (VIDEO) I complimenti la vittoria iridata gli sono arrivati anche dal ministro della Difesa, Guido Crosetto: «Mi ha meravigliato, ma mi ha fatto molto piacere. Il titolo lascia però il tempo che trova, l’importante è essere qui. Ci sono 110 Paesi presenti e seimila atleti, è la migliore dimostrazione che lo sport unisce e non divide. Qui a Roma per la prima volta i paralimpici partecipano al fianco dei normodotati e testimoniano che chi vive la disabilità in maniera degna e serena è una persona normale, a differenza di chi pensa il contrario». Paglia ha iniziato a giocare a tennistavolo in Libano: «Ero in missione e c’era un maresciallo che giocava in serie B2 e mi ha detto “perché non proviamo a praticarlo in modo agonistico?”. È stato bello».

Principessa Kate domani alla finale maschile di Wimbledon

Londra, 13 lug. (Adnkronos) - La principessa del Galles Kate Middleton assisterà domani alla finale maschile del torneo di Wimbledon, in programma domenica 14 luglio tra lo spagnolo Carlos Alcaraz e il serbo Novak Djokovic. Lo ha annunciato Buckingham Palace, dopo che nei giorni scorsi si era parlato di questa possibilità. Quella di domani sarà la seconda apparizione in pubblico di Kate Middleton in un mese - la prima è stata a giugno in occasione della parata 'Trooping the colour' per il compleanno del re - dall'intervento all'addome e poi dalla diagnosi di cancro rivelata a marzo. A giugno, la principessa ha diffuso un messaggio fornendo informazioni sulle proprie condizioni: "Sto meglio ma non sono ancora fuori pericolo", ha scritto, facendo riferimento anche alle terapie a cui si sta sottoponendo.

Testosterone, cambiano criteri di misurazione: nuovo metodo per i medici

Roma, 12 lug, (Adnkronos Salute) - Cambiano i criteri per misurare il testosterone. E' stato messo a punto, per la prima volta, dagli specialisti della Società italiana di andrologia (Sia) un nuovo strumento, chiamato Trace (Testosterone ReplACEment) - descritto in un nuovo studio Sia pubblicato sul Journal of Personalized Medicine - che aiuta il medico a diagnosticare il deficit di testosterone e a prescrivere in modo più preciso e appropriato la terapia ormonale sostitutiva. Per stabilire se dare una terapia a base di testosterone agli uomini non più giovanissimi con qualche sintomo di carenza, non basta, infatti, valutare i semplici livelli ormonali nel sangue. Oltre ai parametri di laboratorio, che includono i valori Lh, ormone luteinizzante, e Fsh, ormone follicolo-stimolante, bisogna tenere conto di una serie di segni e sintomi clinici che evidenziano un deficit di testosterone, come il sovrappeso e addirittura l’obesità, l’ipertensione, l’iperglicemia, la disfunzione erettile, la depressione, la riduzione della massa muscolare, gli sbalzi di umore e il calo della libido. Se sono presenti alcuni o tutti questi sintomi è giustificata la terapia con testosterone o suoi derivati, anche se i livelli di laboratorio sono nella normalità. Per aiutare i medici a orientarsi fra così tanti fattori gli specialisti della Sia hanno realizzato il nuovo strumento in grado di individuare con molta precisione quali pazienti potranno trarre giovamento da un trattamento ormonale. Esiste, infatti, un range di valori di testosterone totale che viene definito come 'zona grigia' in cui non è chiaro se è necessario trattare con terapia sostitutiva o no, che determina quindi incertezza e un possibile ritardo terapeutico importante. "Il testosterone è l’ormone maschile deputato alla funzione sessuale e allo sviluppo dei caratteri sessuali maschili, cioè sviluppo della massa muscolare, dei peli pubici e del tono della voce", spiega Alessandro Palmieri, presidente Sia e docente di Urologia all'Università Federico II di Napoli. Negli ultimi anni è stata però posta molta attenzione al ruolo di questo ormone in altri aspetti della salute maschile. Una carenza di testosterone è associata a rischio cardiovascolare e di ictus rilevante, così come a una più alta probabilità di sviluppare osteoporosi. Tutte patologie molto importanti per la qualità di vita dell’uomo. Inoltre, è stato dimostrato che una diagnosi precoce del deficit di testosterone e una terapia appropriata altrettanto precoce sono in grado di migliorare in modo evidente lo stato di salute". Il Trace "è uno strumento grafico che integra i livelli di testosterone calcolati nei laboratori con una serie di parametri relativi a sintomi e condizioni cliniche, a ciascuno dei quali è attribuito un punteggio alla cui somma corrisponde una percentuale di probabilità che il paziente con deficit di testosterone necessiti di un trattamento con terapia ormonale sostitutiva", spiega Tommaso Cai, segretario nazionale Sia e coordinatore dello studio. Attraverso l’analisi statistica eseguita per lo studio Sia, che ha confermato l’efficacia di Trace, sono stati selezionati i parametri maggiormente impattanti sulla possibilità di predizione di terapia ormonale sostitutiva. "Tra questi - spiega Cai - un parametro importante sono le erezioni notturne, l’assenza delle quali è legata tra le altre cose anche una possibile carenza di testosterone o a una carenza di efficacia dello stesso. Infatti, molto spesso possono esserci livelli nella norma di testosterone ma questo, per problematiche specifiche, non è in grado di dare un effetto sugli organi bersaglio. Pertanto, avere a disposizione un parametro che possa essere una dimostrazione indiretta di un deficit di efficacia è molto importante". "Molta rilevanza - prosegue - viene attribuita anche ad alcuni indici di problematiche metaboliche, come il diabete, l’obesità e l’ipertensione. Anche questi parametri, se alterati, hanno un impatto non solo sulla funzione del testosterone ma aumentano anche il rischio di disturbi vascolari rilevanti, compreso il deficit erettile". Nel nomogramma viene dato rilievo anche a parametri di laboratorio indiretti come Lh e Fsh. “Questi sono due ormoni che vengono prodotti da una piccola ghiandola posta alla base del cervello e si modificano in funzione di un’alterazione biochimica o funzionale del testosterone", afferma Palmieri. La novità rispetto a esperienze precedenti è la valutazione dei sintomi urinari. “La nostra analisi ha dimostrato come un deficit di testosterone possa manifestarsi anche con disturbi urinari che spesso vengono sottovalutati", puntualizza Fabrizio Palumbo, presidente della Commissione scientifica Sia.


TUTTE LE NOTIZIE NAZIONALI