6 LUGLIO 2024

15:07

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

754 visualizzazioni


6 LUGLIO 2024 - 15:07


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

754 visualizzazioni



BOLOGNA: Rapinarono portavalori, arrestati tre uomini

I carabinieri di Bologna, coordinati dalla pm Maria Gabriella Tavano, hanno eseguito tre misure cautelari, due in carcere e una ai domiciliari, emesse dal Gip nei confronti di tre italiani di 46, 37 e 36 anni, sospettati di essere gli autori della rapina a mano armata avvenuta il 27 gennaio 2023 davanti all'ufficio postale di Castel Maggiore (Bologna) ai danni di un furgone portavalori. Il primo è originario di Bologna mentre gli altri due della provincia di Foggia: tutti pregiudicati, sono accusati di rapina aggravata, porto di armi in luogo pubblico e ricettazione. Gli investigatori hanno ricostruito che due dei tre uomini, hanno aggredito e rapinato una delle due guardie giurate, mentre, appena scesa dal portavalori, si è diretta verso l'ingresso dell'ufficio postale con in mano un sacchetto contenente 60mila euro in contanti. Il terzo uomo, invece, armato di fucile a pompa, ha tenuto bloccato all'interno del furgone portavalori la seconda guardia giurata. Durante l'aggressione, oltre al bottino è stata sottratta anche la pistola alla guardia giurata. Portata a termine l'operazione, durata pochi minuti, il commando si è dileguato a bordo di due veicoli rubati con targhe clonate. Al termine delle indagini, sia il 46enne che il 36enne sono stati portati in carcere, il 37enne, invece, ai domiciliari. Durante gli accertamenti è emerso anche un quarto complice, un 34enne originario della provincia di Foggia, che risulta indagato.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Economia, la regione 2ª per crescita, traino al Pil Nazionale | VIDEO

L’Emilia-Romagna è tra le regioni che traineranno il Pil nazionale nel 2024 assieme a Lombardia e Veneto. Queste tre regioni assieme producono, infatti, il 41% del Pil nazionale, il 53% dell’export italiano e contengono il 33% dell’intera popolazione del Paese. Le previsioni di crescita sono state elaborate dall’Ufficio studi della CGIA su dati Prometeia e indicano che la Lombardia dovrebbe crescere dello 0,95% nell’anno in corso, l’Emilia-Romagna dello 0,86% e il Veneto dello 0,80%. Sebbene questo risultato sia positivo, l’impatto sull’economia nazionale sarà, però, molto contenuto. Benché le differenze tra le regioni siano “millimetriche”, la divisione tra Nord e Sud in termini di aumento del Pil reale per l’anno in corso è molto evidente. Secondo la Banca d’Italia, nel 2024 la crescita dell’Italia sarà limitata e sostenuta principalmente dal buon andamento di alcuni settori: servizi, turismo e export. L’industria, invece, affronterà un significativo ridimensionamento, in particolare nei settori della moda, dell’automotive e della metallurgia. L’elaborazione dell’Ufficio studi della CGIA ha analizzato anche la crescita del valore aggiunto reale delle 107 province italiane. Al vertice della classifica nazionale troviamo Milano, con una crescita stimata dell’1,14%. Seguono Pavia con +1,01%, Vicenza con +0,98% e Bologna con +0,95%.