12 FEBBRAIO 2024

15:21

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

349 visualizzazioni


12 FEBBRAIO 2024 - 15:21


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

349 visualizzazioni



RAVENNA: L'utile consolidato della Cassa è di 41,5 milioni

Si è chiuso con un utile netto consolidato di 41,5 milioni in crescita del 27,74% sul 2022, "un risultato mai raggiunto in precedenza", l'esercizio 2023 del Gruppo Cassa di Ravenna, presieduto da Antonio Patuelli il cui cda ha proposta la distribuzione di un dividendo nella forma di una azione ogni 30 possedute o, a richiesta, in contanti, di 51 centesimi per azione con un incremento del 15,91% sul 2022. L'utile netto dell'operatività corrente della sola capogruppo Cassa di Ravenna è stato di 32,052 milioni con un incremento del 14,21%. La raccolta diretta, spiega una nota dell'istituto ravennate si è attestata 4.809 milioni (+3,1%), la raccolta indiretta a 5.454 milioni di euro (+6,6%) mentre gli impieghi sono ammontati a 3.283 milioni in calo del 2,5%, "risentendo della riduzione della domanda". Guardando ai coefficienti patrimoniali il CET 1 Ratio della Cassa è risultato pari al 20,49% e di Gruppo al 16,04%. Il Total Capital Ratio è cresciuto per la Cassa al 21,83% e per il Gruppo al 17,58% Nel bilancio consolidato del Gruppo Cassa, il margine d'interesse è risultato pari a 127 milioni (+4,7%), le commissioni nette a 90,1 milioni (+2,9%), il margine di intermediazione a 221,3 milioni (+2,4%), le rettifiche di valore e gli accantonamenti per rischio di credito a 25,8 milioni di euro (-26,9%). Sempre nel bilancio consolidato il totale della raccolta diretta è stato di 6.829 milioni (+3,56%), la raccolta indiretta di 7.646 milioni di euro (+7,17%) mentre gli impieghi a famiglie e imprese sono ammontati a 4.170 milioni di euro (-4,66%). Il totale di tutti i crediti deteriorati netti (sofferenze, inadempienze probabili e scaduti) è del 2,1% del totale degli impieghi netti.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Ricerca Ires, aumenta lavoro stabile ma anche quello povero

Più lavoratori stabili ma anche più lavoratori anziani poveri e precari. E' la fotografia del mercato del Lavoro in Emilia-Romagna scattata dall'Ires. Dallo studio dell'Istituto di ricerca della Cgil emerge un quadro positivo dell'economia regionale. Ma i divari si fanno sempre più profondi. Secondo i dati, il 2023 ha visto la prosecuzione di una fase di rallentamento dell'economia iniziata nel 2022, la crescita del Pil regionale dell'1,1% contro il 3,4% dell'anno precedente. I consumi delle famiglie sono in aumento dell'1,4%, penalizzati però dall'inflazione, con conseguenze sul reddito disponibile reale. Il 2023 registra un +1,4% dei lavori a tempo indeterminato, ma il 31,8% dei lavoratori dipendenti, in Emilia-Romagna, nel 2022 aveva un reddito sotto i 15.000 euro; il 21,8 sotto i 10.000. "L'occupazione in sé è in crescita e cala la disoccupazione. Se guardiamo, però, i dati del milione e mezzo di lavoratori dipendenti dei settori privati in Emilia Romagna - sottolinea Massimo Bussandri, segretario regionale della Cgil -  soltanto il 44% sono stabili nel senso pieno del termine, cioè lavoratori occupati a tempo indeterminato, full time e per tutto l'anno solare". "Abbiamo bisogno di avere più tecnologia, ma quella tecnologia va governata. Altrimenti abbiamo degli ottimati là in alto e sotto una bolla di lavoro povero, di imprese povere che hanno l'analfabetismo dell'innovazione" rimarca l'assessore regionale allo Sviluppo produttivo, Vincenzo Colla. "Noi dobbiamo avere un grande corpo centrale che è in grado di allungare la mano alle figure più deboli che ci sono" conclude.