6 SETTEMBRE 2023

21:18

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

690 visualizzazioni


6 SETTEMBRE 2023 - 21:18


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

690 visualizzazioni



BOLOGNA: Confindustria Emilia al Governo, ‘Fate in fretta’ | VIDEO

Due giorni di confronti, a Bologna, sui temi economici della regione e del Paese, all’interno di ‘Farete’, la kermesse di Confindustria. Valter Caiumi, presidente di Confindustria Emilia, ha chiesto al Governo provvedimenti sul cuneo fiscale e ristori per le imprese alluvionate.

Dalla ricostruzione post alluvione al salario minimo fino alle prospettive della crescita. Sono tanti per Confindustria Emilia centro i temi posti sul tavolo dell'assemblea pubblica di due giorni, il 6 e il 7 settembre, alla Fiera di Bologna, in occasione della decima edizione di ‘Farete’, la kermesse di Confindustria dedicata alle imprese del territorio. Il presidente di Confindustria Emilia, Valter Caiumi ha chiesto velocità al Governo e provvedimenti sul cuneo fiscale e ha affrontato anche il nodo dell’alluvione, sollecitando i ristori per le imprese: “Il mercato non aspetta e su quei territori ci sono leader nazionali di nicchie che stanno subendo la concorrenza di altri player esteri” ha avvertito. Oltre un migliaio di imprenditori hanno affollato l’evento al quale è intervenuto anche il presidente di Confindustria Carlo Bonomi che ha affermato con forza la necessità di una “politica industriale nazionale e europea che sostenga la manifattura, perché senza manifattura – ha spiegato - non c'è Italia e non c'è Europa”.  Un tema sottolineato anche dal sindaco di Bologna, Matteo Lepore.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

ROMAGNA: Alluvione, dalla Camera di Commercio 1,3 milioni per le imprese

La Camera di commercio della Romagna ha approvato due nuove misure a sostegno delle imprese alluvionate nelle province di Forlì-Cesena e Rimini. Le misure, che seguono il bando ‘Resistere’ del 2023,  prevedono uno stanziamento complessivo di 1.331.022 euro a fondo perduto. Uno dei due interventi sarà riservato alle imprese agricole colpite dall’alluvione con l’attivazione di 331.022 euro riservati per prestiti a breve, fino a 12 mesi, con contributo al 5% dell’ammontare del finanziamento e per prestiti di medio/lungo periodo, fino a 60 mesi, con contributo pari al 10%. L’altra misura riguarderà l’attivazione del bando “Crescere 2024” con lo stanziamento di 1 milione di euro destinato a tutte le imprese colpite dall’alluvione. Il contributo massimo erogabile sarà di 5.000 euro per le imprese che non hanno percepito aiuti, mentre l’ammontare sarà di 2.500 euro se si ha già usufruito del contributo nel 2023. Per Carlo Battistini, presidente della Camera di commercio della Romagna, questi due nuovi interventi sono il frutto di un lavoro di confronto e di integrazione che consentirà di raggiungere il maggior numero di imprese in modo mirato. Tutte le informazioni a riguardo sono presenti nel sito della Camera di commercio della Romagna.