23 DICEMBRE 2023

09:59

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

697 visualizzazioni


23 DICEMBRE 2023 - 09:59


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

697 visualizzazioni



CESENA: Trevi, approvato l'aggiornamento del piano industriale

Nel tardo pomeriggio di ieri, il Consiglio di Amministrazione di Trevi - Finanziaria Industriale S.p.A. ha annunciato l'approvazione dell'aggiornamento del piano industriale consolidato, originariamente pianificato per il periodo 2022-2026. 

Il piano industriale aggiornato dell'azienda con sede a Cesena, ora esteso fino al 2027, riflette i dati consuntivi più recenti e conferma "il successo" delle strategie implementate nel piano di risanamento approvato nel novembre 2022. La perdita netta della società nel 2022 si è significativamente ridotta a 15,2 milioni di euro, segnando un notevole miglioramento rispetto agli anni precedenti.

Tra gli obiettivi chiave delineati nel piano riveduto, si prevede un Compound Annual Growth Rate (CAGR) dei ricavi del circa +5% nel periodo 2023-2027. Inoltre, l'EBITDA margin ricorrente dovrebbe migliorare dal 12% atteso entro la fine del 2023 a oltre il 13% entro la fine del 2027. La generazione di cassa è prevista in aumento, contribuendo a mantenere il rapporto tra Posizione Finanziaria Netta ed EBITDA ricorrente inferiore a 2x, già a partire da fine 2026.

Le due divisioni di business contribuiranno alla crescita dei ricavi e dell'EBITDA ricorrente nel corso del piano, secondo quanto comunicato. Al 30 novembre 2023, il backlog del Gruppo Trevi è risultato pari a Euro 757 milioni, registrando una notevole crescita del 28% rispetto al 31 dicembre 2022. La raccolta ordini del Gruppo ha raggiunto Euro 700 milioni, superando del 6% l'obiettivo annuale del Gruppo atteso a Euro 659 milioni, grazie al contributo della Divisione Trevi che ha superato del +21% l'obiettivo annuale.

La Società ha annunciato che fornirà ulteriori dettagli sull'aggiornamento del Piano Industriale Consolidato 2023-2027 alla comunità finanziaria nelle prossime settimane, confermando la propria trasparenza e la volontà di mantenere gli investitori informati sui progressi della società.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA