20 DICEMBRE 2023

11:39

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

826 visualizzazioni


20 DICEMBRE 2023 - 11:39


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

826 visualizzazioni



MILANO: BolognaFiere sbarca in Borsa | VIDEO

BolognaFiere ha debuttato con successo sul segmento professionale dell'Euronext Growth Milan, con la quotazione in Piazza Affari. Il presidente, Gianpiero Calzolari, ha sottolineato che questo rappresenta la conclusione di un processo impegnativo e l'inizio di una nuova fase di crescita. L'azienda ha superato una transizione da ente a impresa, posizionandosi ora in modo più competitivo a livello internazionale.

L'operazione di quotazione ha raccolto 15 milioni di euro attraverso un aumento di capitale e ha visto il gruppo britannico Informa entrare nella compagine sociale grazie alla conversione di un prestito obbligazionario convertibile da 25 milioni. L'aumento di capitale complessivo ha raggiunto i 40 milioni di euro.

Calzolari ha espresso gratitudine per il sostegno ricevuto e ha sottolineato i progressi compiuti nel 2022 e 2023. Ha evidenziato il ruolo fondamentale degli attuali soci pubblici e privati nel sostenere il piano industriale di BolognaFiere, focalizzato sull'ampliamento e l'ammodernamento del polo fieristico, l'arricchimento del portfolio fieristico e lo sviluppo internazionale.

Guardando agli azionisti principali di BolognaFiere, il Comune di Bologna detiene il 22,99%, la Camera di Commercio di Bologna il 16,36%, il gruppo Informa il 13,46%, la Regione Emilia-Romagna il 7,62%, e la Città metropolitana di Bologna il 7,35%. Calzolari ha sottolineato che l'impegno dell'azienda non si ferma qui, confermando la sua posizione di principale operatore fieristico internazionale in Italia.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Economia, la regione 2ª per crescita, traino al Pil Nazionale | VIDEO

L’Emilia-Romagna è tra le regioni che traineranno il Pil nazionale nel 2024 assieme a Lombardia e Veneto. Queste tre regioni assieme producono, infatti, il 41% del Pil nazionale, il 53% dell’export italiano e contengono il 33% dell’intera popolazione del Paese. Le previsioni di crescita sono state elaborate dall’Ufficio studi della CGIA su dati Prometeia e indicano che la Lombardia dovrebbe crescere dello 0,95% nell’anno in corso, l’Emilia-Romagna dello 0,86% e il Veneto dello 0,80%. Sebbene questo risultato sia positivo, l’impatto sull’economia nazionale sarà, però, molto contenuto. Benché le differenze tra le regioni siano “millimetriche”, la divisione tra Nord e Sud in termini di aumento del Pil reale per l’anno in corso è molto evidente. Secondo la Banca d’Italia, nel 2024 la crescita dell’Italia sarà limitata e sostenuta principalmente dal buon andamento di alcuni settori: servizi, turismo e export. L’industria, invece, affronterà un significativo ridimensionamento, in particolare nei settori della moda, dell’automotive e della metallurgia. L’elaborazione dell’Ufficio studi della CGIA ha analizzato anche la crescita del valore aggiunto reale delle 107 province italiane. Al vertice della classifica nazionale troviamo Milano, con una crescita stimata dell’1,14%. Seguono Pavia con +1,01%, Vicenza con +0,98% e Bologna con +0,95%.