7 NOVEMBRE 2023

09:51

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

843 visualizzazioni


7 NOVEMBRE 2023 - 09:51


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

843 visualizzazioni



BOLOGNA: Fumata nera per La Perla, le lavoratrici in presidio, ‘Proprietà ci lasci andare’ | VIDEO

E’ andato male l’incontro al ministero delle Imprese sulla vertenza La Perla. La proprietà non ha dato segno di voler rilanciare il sito
produttivo. Istituzioni e sindacati sono sul piede di guerra e le lavoratrici hanno organizzato un presidio a cui ha partecipato anche Simona Lembi,
in rappresentanza del sindaco.


Fumata nera al ministero delle Imprese per la vertenza La Perla. Nessun piano industriale è arrivato dalla proprietà ma, al contrario, la volontà di individuare un nuovo stabilimento e una riduzione della forza lavoro. Un incontro disertato dai vertici del Fondo Tennor e che l’assessore regionale al Lavoro, Vincenzo
Colla, ha definito “drammatico e surreale”. In contemporanea con l’incontro al ministero, le dipendenti de La Perla hanno organizzato una manifestazione durata due ore a cui hanno partecipato anche istituzioni e sindacati. A manifestare la loro solidarietà anche i delegati della Magneti Marelli e tutti gli automobilisti, che passando davanti all’azienda, hanno risposto all’appello delle “perline” suonando ripetutamente il clacson. Le lavoratrici chiedono alla proprietà di cedere l’azienda a chi intende dargli un futuro, mentre Il Governo e le altre istituzioni hanno annunciato che studieranno ogni azione per far sì che la produzione possa andare avanti con o senza la proprietà, preservando il marchio e 300 posti di lavoro. Grande amarezza anche da parte dei sindacati che, già in queste ore, in assemblea con le lavoratrici decideranno nuove iniziative di lotta.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA- ROMAGNA: L'assemblea generale Coop Alleanza 3.0 approva il bilancio 2023

E' stato approvato in via definitiva il bilancio 2023 di Coop Alleanza 3.0, che con i suoi 2,2 milioni di soci è la più grande cooperativa italiana. Il via libera al bilancio, che si è chiuso con 20 milioni di utile, è arrivato all'assemblea generale che si è svolta oggi a Bologna e a cui hanno partecipato 130 delegati da tutta Italia. Atto finale dopo che in 86 assemblee dei soci separate sono stati raccolti oltre 40 mila voti. "L'Assemblea Generale odierna - ha sottolineato il presidente Mario Cifiello -, e il lungo percorso che ci ha portati a sondare la volontà di oltre 40 mila donne e uomini in vista di questo giorno, è la dimostrazione che la cooperazione è un modello attuale, vivace ed in gradi di produrre risultati. Un modello che si distingue per l'adesione volontaria, la gestione democratica e la distribuzione bilanciata dei profitti tra tutti gli attori della filiera, dal produttore sino al consumatore. E, quindi, che dimostra che è possibile stare sul mercato in un modo alternativo, e secondo il nostro punto di vista più equo, rispetto ad altri modelli, in cui la gestione e i processi decisionali sono più accentrati e verticistici". La direttrice generale Milva Carletti ha presentato la relazione sul bilancio e sul primo anno del Piano Strategico 2023-2027, sottolineando gli effetti positivi del percorso di rilancio e della concentrazione sul core business che ha permesso di migliorare le performance di 137 milioni rispetto alla chiusura 2022. All'appuntamento dell'assemblea, a cui è intervenuto anche il presidente di Legacoop Simone Gamberini, è stato unito anche un incontro su 'Il futuro dell'Europa. L'Europa nel futuro' a cui hanno partecipato il giornalista di Avvenire Luca Mazza e la politologa Sofia Ventura, oltre a Cifiello che ha evidenziato le analogie fra il sistema cooperativo e quello europeo. "Il movimento cooperativo - ha ricordato - ha concretamente sostenuto i processi di integrazione europea, promuovendo con numerosissimi progetti sovranazionali la collaborazione tra i popoli, le culture e le nazioni".