27 SETTEMBRE 2018

10:14

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1116 visualizzazioni


27 SETTEMBRE 2018 - 10:14


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1116 visualizzazioni



CESENA: Con Smarthelp il Gruppo Righi entra nella realtà aumentata | FOTO

Righi Smarthelp, la nuova tecnologia adottata dal Gruppo Righi, è una piattaforma software in Realtà Aumentata utilizzabile con dispositivi indossabili (Smart Glasses e Smart Helmet) e dispositivi mobili (Smartphone e Tablet), che consente agli operatori ovunque si trovino nel mondo di comunicare e trasmettere sul campo e da remoto, le informazioni necessarie al completamento del loro lavoro garantendo una maggiore efficienza produttiva, la riduzione degli errori e delle anomalie operative.

La realtà aumentata può abbattere i confini geografici e rendere possibile la visualizzazione e la navigazione all’interno di impianti automatici in tutte le parti del mondo; i manager potranno lavorare comodamente dai loro uffici e saranno garantite le stesse performance che deriverebbero dall’essere presenti fisicamente sul posto.

La Realtà Aumentata permette, quindi, la visualizzazione di ingombranti apparecchi industriali eliminando i costi della loro gestione e della logistica. Oltre a ciò consente di raggiungere un livello di interattività maggiore da parte dell’utente poiché è possibile simulare il funzionamento di un macchinario anche in ambienti dove non sarebbe possibile.

I benefici della tecnologia immersiva, termine che racchiude realtà aumentata e realtà virtuale darà enormi vantaggi alle aziende e agli operatori, secondo l’economista Michael Porter addirittura sarà lo strumento che permetterà all’uomo di colmare la distanza tra mondo fisico e mondo digitale….

Il Gruppo Righi con l’utilizzo della tecnologia Smarthelp  intende supportare i propri clienti e tecnici trasferendogli le proprie competenze e mantenendo un costante contatto ovunque siano collocati. Tutto questo porterà a un duplice risultato: da un lato la soddisfazione dei clienti che riceveranno aiuti rapidi e mirati alle loro necessità, dall’altro la garanzia ai propri tecnici di una formazione continua evitando così lacune nelle conoscenze tecniche, zavorra di molte imprese del nuovo millennio.

Smarthelp è una piattaforma di assistenza video pensata per dare supporto in tempo reale da remoto, è adatta per molti settori in particolare quello industriale e offrire assistenza senza spostamenti, disponendo di esperti in sede.

L’Ing. Fabio Bambini, responsabile dell’area Software e R&D della Righi Group, ritiene che nei prossimi anni il Gruppo Righi ridurrà del 30% gli interventi in campo, diminuendo i viaggi e portando così a un risparmio di circa 8000 Kg di CO2.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Ricerca Ires, aumenta lavoro stabile ma anche quello povero

Più lavoratori stabili ma anche più lavoratori anziani poveri e precari. E' la fotografia del mercato del Lavoro in Emilia-Romagna scattata dall'Ires. Dallo studio dell'Istituto di ricerca della Cgil emerge un quadro positivo dell'economia regionale. Ma i divari si fanno sempre più profondi. Secondo i dati, il 2023 ha visto la prosecuzione di una fase di rallentamento dell'economia iniziata nel 2022, la crescita del Pil regionale dell'1,1% contro il 3,4% dell'anno precedente. I consumi delle famiglie sono in aumento dell'1,4%, penalizzati però dall'inflazione, con conseguenze sul reddito disponibile reale. Il 2023 registra un +1,4% dei lavori a tempo indeterminato, ma il 31,8% dei lavoratori dipendenti, in Emilia-Romagna, nel 2022 aveva un reddito sotto i 15.000 euro; il 21,8 sotto i 10.000. "L'occupazione in sé è in crescita e cala la disoccupazione. Se guardiamo, però, i dati del milione e mezzo di lavoratori dipendenti dei settori privati in Emilia Romagna - sottolinea Massimo Bussandri, segretario regionale della Cgil -  soltanto il 44% sono stabili nel senso pieno del termine, cioè lavoratori occupati a tempo indeterminato, full time e per tutto l'anno solare". "Abbiamo bisogno di avere più tecnologia, ma quella tecnologia va governata. Altrimenti abbiamo degli ottimati là in alto e sotto una bolla di lavoro povero, di imprese povere che hanno l'analfabetismo dell'innovazione" rimarca l'assessore regionale allo Sviluppo produttivo, Vincenzo Colla. "Noi dobbiamo avere un grande corpo centrale che è in grado di allungare la mano alle figure più deboli che ci sono" conclude.