25 GIUGNO 2018

10:41

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1648 visualizzazioni


25 GIUGNO 2018 - 10:41


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1648 visualizzazioni



CESENA: Onit continua a crescere e seleziona giovani talenti | FOTO

Otre 120 dipendenti, con un’età media di 32 anni, per lo più provenienti dalle facoltà scientifiche del territorio, in particolare da ingegneria informatica. Sono i numeri di ONIT, azienda del settore IT con sede a Cesena che, a fronte di una crescita costante e continua che nel solo 2017 ha consentito l’assunzione di 30 nuove risorse umane, ha progressivamente allargato i propri orizzonti fino ad inserire in organico anche giovani laureati provenienti dall’Europa dall’Est  e, di recente, un ingegnere iraniano che, attratto dalla qualità della vita in Romagna e, ancor più da una modalità di lavoro molto flessibile e orientata al risultato, ha scelto di restare in ONIT nonostante l’ostacolo della lingua. Nell’azienda, infatti, collaborano a stretto contatto ragazzi italiani e stranieri che, in una sorta di meltinpot culturale, comunicano in inglese, abbattendo così ogni barriera semantica e ogni forma di possibile pregiudizio in favore della conoscenza reciproca e della condivisione degli obiettivi. L’eterogeneità del team ONIT è stata favorita anche dall’utilizzo dei social network, in particolare da Linkedin, come strumenti di recruitment: “ Non ci siamo limitati a pubblicare gli annunci - spiega Samantha Metalli, responsabile dell’amministrazione e delle risorse umane - abbiamo deciso di realizzare dei piccoli video che hanno per protagonisti i nostri dipendenti cui raccontano cosa significhi fare parte di un’azienda come ONIT”. 

Un’eccellenza imprenditoriale italiana che, che pure sembra uscita dalla Silicon Valley tra flessibilità di orari, corsi di formazione, convenzioni, palestra per i dipendenti, investimenti su tecnologie innovative e premi di produzione legati ai risultati aziendali e personali. 

Complice anche un clima di lavoro disteso e orientato al raggiungimento dei risultati dei diversi gruppi di lavoro, fatto sta che ONIT continua a crescere e a ricercare personale: “la forte espansione che viviamo da qualche tempo e che sta proseguendo - commenta Fabio Piraccini, amministratore delegato di ONIT - fa si che continuiamo a cercare giovani sviluppatori, specialisti di business intelligence, capi progetto e sistemisti: attualmente siamo in fase di selezione di una decina di profili da inserire in organico”. La ricerca, nel dettaglio, è orientata su laureati in discipline scientifiche ma  l’azienda valuta i candidati per curriculum, per potenzialità e voglia di crescere: “Da noi c’è spazio - aggiunge Piraccini - anche per ragazzi che vogliono fare un’esperienza lavorativa, con formule di flessibilità, mentre completano il percorso di studio”.

Spazio anche per le donne, in ONIT che attualmente rappresentano il 20% del personale: “Ma ci piacerebbe inserirne di più perché, nonostante le difficoltà di reperire laureate in discipline tecniche, siamo assolutamente convinti che il loro apporto arricchirebbe l’azienda sotto diversi punti di vista”.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Ricerca Ires, aumenta lavoro stabile ma anche quello povero

Più lavoratori stabili ma anche più lavoratori anziani poveri e precari. E' la fotografia del mercato del Lavoro in Emilia-Romagna scattata dall'Ires. Dallo studio dell'Istituto di ricerca della Cgil emerge un quadro positivo dell'economia regionale. Ma i divari si fanno sempre più profondi. Secondo i dati, il 2023 ha visto la prosecuzione di una fase di rallentamento dell'economia iniziata nel 2022, la crescita del Pil regionale dell'1,1% contro il 3,4% dell'anno precedente. I consumi delle famiglie sono in aumento dell'1,4%, penalizzati però dall'inflazione, con conseguenze sul reddito disponibile reale. Il 2023 registra un +1,4% dei lavori a tempo indeterminato, ma il 31,8% dei lavoratori dipendenti, in Emilia-Romagna, nel 2022 aveva un reddito sotto i 15.000 euro; il 21,8 sotto i 10.000. "L'occupazione in sé è in crescita e cala la disoccupazione. Se guardiamo, però, i dati del milione e mezzo di lavoratori dipendenti dei settori privati in Emilia Romagna - sottolinea Massimo Bussandri, segretario regionale della Cgil -  soltanto il 44% sono stabili nel senso pieno del termine, cioè lavoratori occupati a tempo indeterminato, full time e per tutto l'anno solare". "Abbiamo bisogno di avere più tecnologia, ma quella tecnologia va governata. Altrimenti abbiamo degli ottimati là in alto e sotto una bolla di lavoro povero, di imprese povere che hanno l'analfabetismo dell'innovazione" rimarca l'assessore regionale allo Sviluppo produttivo, Vincenzo Colla. "Noi dobbiamo avere un grande corpo centrale che è in grado di allungare la mano alle figure più deboli che ci sono" conclude.