21 APRILE 2016

12:04

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1044 visualizzazioni


21 APRILE 2016 - 12:04


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1044 visualizzazioni



EMILIA ROMAGNA: Nuovi bandi per internazionalizzare e attrarre investimenti - VIDEO

Oltre 35 milioni di euro sono le risorse messe a disposizione dalla Regione attraverso due bandi, rivolti alle imprese emiliano romagnole, dedicati a internazionalizzazione e attrattività. Ben 10,3 milioni di euro, relative al Programma operativo regionale Fesr 2014-20, sono destinati ad accrescere il numero delle piccole medie-imprese esportatrici e avviare percorsi di internazionalizzazione. Mentre per attrarre investimenti in Emilia-Romagna sono a disposizione a 25 milioni di euro nel triennio 2016-2018 (risorse proprie delle Regione), per la promozione degli investimenti delle imprese che vogliono insediarsi o espandere la propria attività in Emilia-Romagna.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Economia, la regione 2ª per crescita, traino al Pil Nazionale | VIDEO

L’Emilia-Romagna è tra le regioni che traineranno il Pil nazionale nel 2024 assieme a Lombardia e Veneto. Queste tre regioni assieme producono, infatti, il 41% del Pil nazionale, il 53% dell’export italiano e contengono il 33% dell’intera popolazione del Paese. Le previsioni di crescita sono state elaborate dall’Ufficio studi della CGIA su dati Prometeia e indicano che la Lombardia dovrebbe crescere dello 0,95% nell’anno in corso, l’Emilia-Romagna dello 0,86% e il Veneto dello 0,80%. Sebbene questo risultato sia positivo, l’impatto sull’economia nazionale sarà, però, molto contenuto. Benché le differenze tra le regioni siano “millimetriche”, la divisione tra Nord e Sud in termini di aumento del Pil reale per l’anno in corso è molto evidente. Secondo la Banca d’Italia, nel 2024 la crescita dell’Italia sarà limitata e sostenuta principalmente dal buon andamento di alcuni settori: servizi, turismo e export. L’industria, invece, affronterà un significativo ridimensionamento, in particolare nei settori della moda, dell’automotive e della metallurgia. L’elaborazione dell’Ufficio studi della CGIA ha analizzato anche la crescita del valore aggiunto reale delle 107 province italiane. Al vertice della classifica nazionale troviamo Milano, con una crescita stimata dell’1,14%. Seguono Pavia con +1,01%, Vicenza con +0,98% e Bologna con +0,95%.