20 GIUGNO 2024

17:58

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1053 visualizzazioni


20 GIUGNO 2024 - 17:58


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1053 visualizzazioni



BOLOGNA: Cadavere vicino ai binari, circolazione sospesa

Circolazione ferroviaria sospesa dalle 16.15  di giovedì, sul nodo di Bologna, sulle linee per Prato e Rimini, a seguito del ritrovamento di una persona deceduta nei pressi dei binari all'altezza del Ponte di San Donato alla porte della stazione del capoluogo emiliano. A quanto si è appreso, un uomo sarebbe stato visto lanciarsi nel vuoto. Sul posto, le forze dell'ordine per gli accertamenti del caso. Al momento, si legge sul sito di Rfi sono stimati rallentamenti fino a 120 minuti. Possono subire ritardi i treni Alta Velocità, Intercity e Regionali, questi ultimi anche cancellazioni.

FOTO D'ARCHIVIO

AGGIORNAMENTO:

Sul nodo di Bologna, la circolazione ferroviaria - che era stata sospesa alle 16.15 a seguito del ritrovamento di una persona deceduta nei pressi dei binari all'altezza del Ponte di San Donato - è tornata regolare, intorno alle 18.30, sulle linee per Prato e Rimini dopo gli accertamenti del caso condotti dalle forze dell'ordine. A seguito dei rallentamenti - il traffico aveva fatto registrare una graduale ripresa apartire dalle 17.30 - i treni Alta Velocità, Intercity e Regionali, spiega il sito di Trenitalia, possono riportare un maggior tempo di percorrenza fino a 90 minuti. I soli Regionali subiscono limitazioni di percorso e cancellazioni. Tre i treni Alta Velocità direttamente coinvolti con un maggior tempo di percorrenza superiore a 60 minuti.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

ROMAGNA: Economia, l’inflazione nel primo semestre del 2024 rimane stabile | VIDEO

Nel mese di giugno si stabilizza l’inflazione nella provincia di Forlì-Cesena e diminuisce in quella di Rimini, lo attestano i dati ISTAT, elaborati dall’Osservatorio economico e sociale della Camera di commercio della Romagna. Nel dettaglio, in entrambe le province, la tendenza risulta crescente nei primi tre mesi dell’anno per poi calare dal mese di aprile. Nello specifico, nei primi sei mesi scendono i prezzi delle comunicazioni e dei beni energetici mentre si registra un aumento negli altri capitoli di spesa.  A giugno l’inflazione, a livello nazionale, si è mantenuta sullo stesso livello dei due mesi precedenti (+0,8%). La stabilizzazione del ritmo di crescita si deve principalmente al venir meno delle tensioni sui prezzi dei beni alimentari non lavorati, i cui effetti compensano l’attenuazione delle spinte deflazionistiche provenienti dal settore energetico. Nei primi sei mesi del 2024 la variazione media dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) per la Provincia di  Forlì-Cesena, rispetto a gennaio-giugno 2023, è stata pari a +0,6%, inferiore a quella regionale (+0,9%) e nazionale (+0,9%). La tendenza risulta essere crescente nei primi tre mesi per poi calare da aprile (da +0,7% a +0,6% di maggio e giugno). Per la provincia di Rimini, nei primi sei mesi dell’anno, la variazione media dell’indice dei prezzi al consumo, rispetto allo stesso periodo del 2023, è stata, invece, pari a +1,5%.