17 GIUGNO 2024

09:21

NOTIZIA DI CRONACA

DI

637 visualizzazioni


17 GIUGNO 2024 - 09:21


NOTIZIA DI CRONACA

DI

637 visualizzazioni



BOLOGNA: Omicidio via Ferrarese, l'arrestato confessa, incastrato dalle telecamere | VIDEO

Si è risolta in ventiquattro ore la vicenda della morte di Roman Matvieiev, il muratore ucraino di 40 anni che venerdì, poco prima delle 21, era stato trovato riverso su una sedia con varie ferite sul corpo ed alla testa nella sua abitazione alla periferia di Bologna e poi deceduto, ieri mattina, all'Ospedale Maggiore. Nella tarda serata di ieri la Polizia ha stretto il cerchio attorno a un altro cittadino ucraino, un 38enne sottoposto a fermo - disposto dalla Procura della Repubblica - con l'accusa di omicidio. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato rintracciato - a seguito di un'attività coordinata dal sostituto procuratore, Michele Martorelli - dagli agenti della Squadra Mobile in zona Pilastro. Al 38enne i poliziotti sono giunti dopo una perquisizione sul luogo del delitto - un appartamento al primo piano del civico 125 di via Ferrarese - in cui il personale della Scientifica aveva rilevato alcune impronte latenti a lui attribuibili e dopo un minuzioso controllo delle immagini registrate dalle telecamere presenti nella zona. Queste hanno immortalato l'arrivo dell'uomo armato di una chiave inglese di grosse dimensioni, lunga almeno 50 centimetri, presso la palazzina dove viveva la vittima e la sua uscita dallo stabile, dopo due minuti e mezzo, con alcune evidenti tracce di sangue lungo un braccio. In base agli elementi raccolti il Pubblico Ministero ha emesso un provvedimento di fermo con l'accusa di omicidio nei confronti del 38enne cittadino ucraino bloccato nell'area del Pilastro a bordo di un mezzo a lui in uso. A spingere il 38enne all'aggressione, poi risultata mortale, motivi passionali. Nel corso dell'interrogatorio alla presenza dello stesso Pm, il fermato - poi condotto nel carcere della Dozza - ha ammesso le sue responsabilità e il movente, viene spiegato, è da ricollegare, molto probabilmente, a un rapporto di simpatia, di amicizia, di frequentazione fra la moglie del presunto omicida e la vittima. Una frequentazione mal accettata dall'uomo, che avrebbe riferito di apprezzamenti e provocazioni verbali e che avrebbe portato alla lite rivelatasi fatale per Matvieiev. Deceduto al 'Maggiore' - dove era stato operato d'urgenza, a seguito di una ferita alla pancia con conseguente asportazione della milza e di una frattura al cranio - il 40enne era stato trovato ferito in casa da un amico, un connazionale 52enne che viveva nella sua cantina al piano interrato. L'amico aveva poi chiamato la madre della vittima, che lavora come badante in un altro quartiere di Bologna, e lei, a sua volta, aveva allertato il 118 facendo scattare i soccorsi.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA