10 GIUGNO 2024

11:34

NOTIZIA DI CRONACA

DI

708 visualizzazioni


10 GIUGNO 2024 - 11:34


NOTIZIA DI CRONACA

DI

708 visualizzazioni



BOLOGNA: Vigilessa uccisa, l'ex collega rimane in carcere

Rimane in carcere Giampiero Gualandi, 62enne ex comandante della polizia locale di Anzola Emilia accusato dell'omicidio volontario aggravato di Sofia Stefani, 33 anni, sua ex collega e con cui aveva avuto una relazione. Il tribunale della Libertà di Bologna non ha infatti accolto il ricorso della difesa, avvocato Claudio Benenati e ha confermato l'ordinanza di custodia cautelare del Gip. Stefani è stata uccisa il 16 maggio negli uffici del comando della Polizia locale. Gualandi si è difeso dicendo che è stato un incidente, un colpo della pistola di ordinanza partito per sbaglio durante una colluttazione. La Procura è convinta che si tratti invece di omicidio volontario e anche il Gip aveva seguito questa impostazione. "La decisione del Tribunale del Riesame che ha confermato la custodia cautelare in carcere per l'indagato Giampiero Gualandi conferma anche la tenuta delle ragioni della domanda cautelare richiesta dalla Procura della Repubblica. Ritengo che l'omicidio di Sofia Stefani, consumatosi presso l'ufficio della Polizia locale di Anzola dell'Emilia ove lavorava Gualandi abbia natura volontaria. Gli elementi probatori oggi disponibili supportano e confermano il quadro ricostruttivo acquisito dalla pubblica accusa", dice l'avvocato Andrea Speranzoni, difensore dei familiari della vittima. "Taluni approfondimenti che sono stati disposti dalla Procura di Bologna sono in corso di svolgimento, così come il lavoro anche dei nostri consulenti di parte. Come difensore dei familiari della vittima Sofia Stefani lavorerò con la massima attenzione su ogni indizio, contribuendo al percorso di giustizia, unica risposta possibile e doverosa a fronte della violenza che caratterizza questo omicidio", aggiunge Speranzoni.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

ROMAGNA: Economia, l’inflazione nel primo semestre del 2024 rimane stabile | VIDEO

Nel mese di giugno si stabilizza l’inflazione nella provincia di Forlì-Cesena e diminuisce in quella di Rimini, lo attestano i dati ISTAT, elaborati dall’Osservatorio economico e sociale della Camera di commercio della Romagna. Nel dettaglio, in entrambe le province, la tendenza risulta crescente nei primi tre mesi dell’anno per poi calare dal mese di aprile. Nello specifico, nei primi sei mesi scendono i prezzi delle comunicazioni e dei beni energetici mentre si registra un aumento negli altri capitoli di spesa.  A giugno l’inflazione, a livello nazionale, si è mantenuta sullo stesso livello dei due mesi precedenti (+0,8%). La stabilizzazione del ritmo di crescita si deve principalmente al venir meno delle tensioni sui prezzi dei beni alimentari non lavorati, i cui effetti compensano l’attenuazione delle spinte deflazionistiche provenienti dal settore energetico. Nei primi sei mesi del 2024 la variazione media dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) per la Provincia di  Forlì-Cesena, rispetto a gennaio-giugno 2023, è stata pari a +0,6%, inferiore a quella regionale (+0,9%) e nazionale (+0,9%). La tendenza risulta essere crescente nei primi tre mesi per poi calare da aprile (da +0,7% a +0,6% di maggio e giugno). Per la provincia di Rimini, nei primi sei mesi dell’anno, la variazione media dell’indice dei prezzi al consumo, rispetto allo stesso periodo del 2023, è stata, invece, pari a +1,5%.