23 MAGGIO 2024

12:52

NOTIZIA DI CRONACA

DI

714 visualizzazioni


23 MAGGIO 2024 - 12:52


NOTIZIA DI CRONACA

DI

714 visualizzazioni



FORLI’: “Sono innocente”, interviene Daniele Severi in tribunale, oggi la sentenza | VIDEO

“Sono innocente, rigetto tutte le accuse fatte nei miei confronti. Ho fatto due anni di carcere senza aver commesso nessun reato.  Durante la mia permanenza ho subito torture fisiche psicologiche, lontano dai miei cari: mogli, nipoti e figli. Confido in una sentenza giusta. E con questo vi ringrazio e concludo” , così è intervenuto oggi in Tribunale a Forlì, Daniele Severi, unico imputato nel processo per la morte del fratello Franco, l’uomo trovato decapitato il 22 giugno 2022 nel suo podere di Seggio di Civitella.  Nel processo, la pm Federica Messina ha sottolineato che gli indizi contro l'imputato sono diventati prove certe. Le prove principali sono i guanti intrisi di sangue della vittima trovati nell'auto di Daniele e le sue scarpe macchiate del sangue del fratello Franco. La difesa, guidata dagli avvocati Pompignoli e Corsetti, ha cercato di smontare le accuse, definendo le prove come indizi non confermati e accusando gli inquirenti di avere un atteggiamento persecutorio nei confronti di Daniele. Tra poche ore è attesa la sentenza.

Nel video l’intervento di Daniele Severi in Tribunale




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

RIMINI: Muore dopo una serata in discoteca, disposta l'autopsia

Sarà fatta mercoledì l'autopsia sul corpo di Daniele Di Marino, il professore di biologia molecolare di 42 anni morto sabato sera sul lungomare di Bellaria Igea Marina dopo una serata in un locale sulla spiaggia. La Procura della Repubblica di Rimini ha aperto un fascicolo contro ignoti e probabilmente ancora senza ipotesi di reato in attesa dei risultato autoptici e i test tossicologici. Un atto dovuto anche in seguito alla segnalazione della moglie che si trovava con il professore al momento del malore fatale. Stando alla donna, incinta all'ottavo mese, il marito si è sentito male subito dopo essere uscito dal locale intorno alle 23.30. Sul posto erano intervenuti i carabinieri di Bellaria Igea Marina e il 118 che aveva provato a rianimare il professore per 50 minuti. Il referto del medico del 118 era stato che la morte poteva anche essere compatibile con cause violente. Stando a quanto riferito dalla moglie, Di Marino nel locale aveva ballato, "pogando" in pista e potrebbe in quel caso aver preso degli spintoni al torace e dei colpi alla testa.