22 MAGGIO 2024

13:38

NOTIZIA DI CRONACA

DI

696 visualizzazioni


22 MAGGIO 2024 - 13:38


NOTIZIA DI CRONACA

DI

696 visualizzazioni



RAVENNA: La prostituta ferita dagli spari è ancora ricoverata a Cesena

E' ancora in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita, la 29enne di origine bulgara centrata a braccia e costato da almeno due colpi di arma da fuoco esplosi domenica sera su una piazzola dell'area della cava 'Manzona Vecchia' di Savio, alle porte di Ravenna. L'aggressore le ha sparato cinque volte verso le 19 presumibilmente con una calibro 9 corto prima di dileguarsi in auto. La 29enne, risultata domiciliata in un hotel di Cesenatico (Forlì Cesena) è poi riuscita a raggiungere la vicina Statale 16 Adriatica dove è stata soccorsa da una ambulanza di passaggio. La giovane, sentita dagli inquirenti ieri pomeriggio in ospedale al Bufalini di Cesena, già a caldo ai soccorritori aveva fornito indicazioni utili per identificare l'aggressore, un uomo del mondo del racket della prostituzione. Le ricerche dei carabinieri, coordinate dal Pm Francesca Bugané Pedretti, sono tuttora in corso. Si procede per tentato omicidio aggravato.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

RIMINI: Muore dopo una serata in discoteca, disposta l'autopsia

Sarà fatta mercoledì l'autopsia sul corpo di Daniele Di Marino, il professore di biologia molecolare di 42 anni morto sabato sera sul lungomare di Bellaria Igea Marina dopo una serata in un locale sulla spiaggia. La Procura della Repubblica di Rimini ha aperto un fascicolo contro ignoti e probabilmente ancora senza ipotesi di reato in attesa dei risultato autoptici e i test tossicologici. Un atto dovuto anche in seguito alla segnalazione della moglie che si trovava con il professore al momento del malore fatale. Stando alla donna, incinta all'ottavo mese, il marito si è sentito male subito dopo essere uscito dal locale intorno alle 23.30. Sul posto erano intervenuti i carabinieri di Bellaria Igea Marina e il 118 che aveva provato a rianimare il professore per 50 minuti. Il referto del medico del 118 era stato che la morte poteva anche essere compatibile con cause violente. Stando a quanto riferito dalla moglie, Di Marino nel locale aveva ballato, "pogando" in pista e potrebbe in quel caso aver preso degli spintoni al torace e dei colpi alla testa.