14 MAGGIO 2024

11:46

NOTIZIA DI CRONACA

DI

489 visualizzazioni


14 MAGGIO 2024 - 11:46


NOTIZIA DI CRONACA

DI

489 visualizzazioni



BOLOGNA: Violenza sessuale in un parco, arrestato 25enne

I carabinieri, a Bologna, hanno arrestato un 25enne di origine tunisina per violenza sessuale e tentata rapina nei confronti di una donna quarantenne. Sabato sera, al parco della Montagnola, secondo quanto riferito da un residente, che ha chiamato la centrale operativa del 112, e dal racconto fornito dalla stessa vittima, il giovane, senza fissa dimora e irregolare in Italia, ha prima avvicinato la donna, seduta su una scalinata, proponendole trenta euro in cambio di un rapporto. Lei, secondo quanto accertato dai carabinieri, ha accettato e al termine il 25enne l'ha bloccata con forza e ha abusato di lei. La quarantenne ha cercato di difendersi, urlando per chiedere aiuto, il 25enne ha tentato di derubarla, ma sono intervenuti i militari che l'hanno fermato. Mentre la vittima è stata accompagnata, per accertamenti, all'ospedale Maggiore, i carabinieri, come disposto dalla Procura dopo l'attivazione del codice rosso, hanno arrestato il 25enne, disoccupato e identificato per la prima volta in Italia all'hotspot di Porto Empedocle nel settembre dello scorso anno, e lo hanno portato in carcere.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

RIMINI: Muore dopo una serata in discoteca, disposta l'autopsia

Sarà fatta mercoledì l'autopsia sul corpo di Daniele Di Marino, il professore di biologia molecolare di 42 anni morto sabato sera sul lungomare di Bellaria Igea Marina dopo una serata in un locale sulla spiaggia. La Procura della Repubblica di Rimini ha aperto un fascicolo contro ignoti e probabilmente ancora senza ipotesi di reato in attesa dei risultato autoptici e i test tossicologici. Un atto dovuto anche in seguito alla segnalazione della moglie che si trovava con il professore al momento del malore fatale. Stando alla donna, incinta all'ottavo mese, il marito si è sentito male subito dopo essere uscito dal locale intorno alle 23.30. Sul posto erano intervenuti i carabinieri di Bellaria Igea Marina e il 118 che aveva provato a rianimare il professore per 50 minuti. Il referto del medico del 118 era stato che la morte poteva anche essere compatibile con cause violente. Stando a quanto riferito dalla moglie, Di Marino nel locale aveva ballato, "pogando" in pista e potrebbe in quel caso aver preso degli spintoni al torace e dei colpi alla testa.