14 MAGGIO 2024

12:42

NOTIZIA DI CRONACA

DI

664 visualizzazioni


14 MAGGIO 2024 - 12:42


NOTIZIA DI CRONACA

DI

664 visualizzazioni



BOLOGNA: Malori alla centrale del 118, c'è un indagato | VIDEO

Si trova agli arresti domiciliari l’infermiere accusato a Bologna di aver somministrato sostanze diluendole nelle bibite ai suoi colleghi della centrale operativa del 118 provocando diffusi malesseri. L’uomo dovrà rispondere di atti persecutori e lesioni personali aggravate. Le indagini proseguono per capire le motivazioni che avrebbero portato l’indagato ad avvelenare il personale tramite antipsicotici nei caffè e nelle bevande. 

 

C’è un indagato in merito agli strani malesseri che diversi operatori della centrale operativa del 118 di Bologna hanno accusato nei mesi scorsi. Secondo una lunga indagine dei carabinieri, col supporto dei Nas e sotto il coordinamento della Procura, si ipotizza che qualcuno possa aver somministrato sostanze nei caffè e nelle bibite. I fatti risalgono ai mesi di luglio, agosto e settembre 2023 quando in diversi avevano manifestato sintomi di sonnolenza prolungata, disturbi dell’equilibrio, stanchezza, mal di testa, difficoltà di eloquio ed altro. Alcuni di essi venivano addirittura inviati al Pronto Soccorso ove seguiva un successivo ricovero in Stroke Unit, alla stregua di attacchi ischemici. I primi accertamenti escludevano che i malesseri potessero essere legati a fattori ambientali dovuti a sostanze nocive eventualmente presenti nell’impianto di aerazione e/o idrico ed evidenziavano, invece, che nella quasi totalità dei casi gli operatori della centrale si erano sentiti male dopo aver ingerito un caffè dal distributore automatico della Centrale o altre bevande/alimenti lasciati incustoditi in quei locali. Gli esami del sangue di uno dei soggetti intossicati evidenziavano la presenza di clotiapina (antipsicotico), sostanza mai volontariamente assunta dall’interessato. Si è così accertato che i malori si erano verificati sempre dopo l’assunzione di bevande o alimenti e le dichiarazioni delle parti offese facevano emergere la presenza dell’arrestato in occasione di vari episodi di intossicazione. Le ulteriori indagini hanno inoltre permesso di rilevare come lo stesso avesse, senza alcuna giustificazione, la disponibilità di un medicinale ad azione ansiolitica/sedativa il cui principio attivo era stato rinvenuto nei campioni biologici prelevati da uno degli operatori intossicati. Medicinale, che lo stesso diceva a colleghi e amici aver utilizzato per tranquillizzare il proprio cane in quanto disturbava i vicini. L’accusato nel corso delle indagini ha inoltre posto in essere delle condotte, spiega una nota, “volte a allontanare i forti sospetti maturati nei suoi confronti, mediante l’autointossicazione con un medicinale avente principio attivo appartenente alla classe delle benzodiazepine , una lettera anonima che poteva far ipotizzare che qualcuno avesse dei motivi di rancore nei suoi confronti e nella denunciata aggressione, da parte di due non meglio descritti individui, che gli sottraevano una collanina e un cellulare causandogli delle ferite da arma da taglio”. 




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

RIMINI: Muore dopo una serata in discoteca, disposta l'autopsia

Sarà fatta mercoledì l'autopsia sul corpo di Daniele Di Marino, il professore di biologia molecolare di 42 anni morto sabato sera sul lungomare di Bellaria Igea Marina dopo una serata in un locale sulla spiaggia. La Procura della Repubblica di Rimini ha aperto un fascicolo contro ignoti e probabilmente ancora senza ipotesi di reato in attesa dei risultato autoptici e i test tossicologici. Un atto dovuto anche in seguito alla segnalazione della moglie che si trovava con il professore al momento del malore fatale. Stando alla donna, incinta all'ottavo mese, il marito si è sentito male subito dopo essere uscito dal locale intorno alle 23.30. Sul posto erano intervenuti i carabinieri di Bellaria Igea Marina e il 118 che aveva provato a rianimare il professore per 50 minuti. Il referto del medico del 118 era stato che la morte poteva anche essere compatibile con cause violente. Stando a quanto riferito dalla moglie, Di Marino nel locale aveva ballato, "pogando" in pista e potrebbe in quel caso aver preso degli spintoni al torace e dei colpi alla testa.