10 MAGGIO 2024

18:15

NOTIZIA DI CRONACA

DI

562 visualizzazioni


10 MAGGIO 2024 - 18:15


NOTIZIA DI CRONACA

DI

562 visualizzazioni



RIMINI: Malmenò il figlio perché non imparava il Corano, assolto

Il tribunale collegiale di Rimini, presieduto dal giudice Adriana Cosenza, ha assolto un 46enne senegalese accusato di aver "sculacciato" pesantemente il figlio perché il ragazzino non imparava a memoria il Corano. Come chiesto dal difensore, l'avvocato Viviana Pellegrini, il Tribunale ha derubricato il reato contestato da lesioni gravi a percosse. Essendo le percosse un reato procedibile a querela di parte, e non avendo la mamma del ragazzino presentato denuncia, l'uomo è stato assolto perché il Tribunale collegiale ha ritenuto il non doversi procedere.

Il caso aveva fatto discutere perché il processo era partito sulla base della denuncia dei servizi sociali, i quali avevano riferito alla magistratura lo stato di vessazione in cui si trovava il 13enne. Il ragazzino non riusciva ad imparare a memoria il Corano in lingua araba e così erano botte e insulti. Affetto da una patologia congenita ad un arto e invalido totale, il bimbo - secondo i servizi sociali - veniva insultato e maltrattato dal padre in maniera sistematica. Il pubblico ministero, Annadomenica Gallucci, nella precedente udienza aveva chiesto una condanna a cinque anni di reclusione. 




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA