3 APRILE 2024

19:41

NOTIZIA DI CRONACA

DI

222 visualizzazioni


3 APRILE 2024 - 19:41


NOTIZIA DI CRONACA

DI

222 visualizzazioni



BOLOGNA: Furti con spaccata, la polizia ha arrestato un 27enne

Per la 'spaccata' in un ristorante cinese di via del Borgo di San Pietro, a Bologna, la Polizia ha arrestato un senegalese di 27 anni che avrebbe agito con un complice, ancora ignoto. Gli agenti della squadra Volante, avvisati da una segnalazione, sono arrivati in via Todaro e hanno notato due uomini uscire dal locale in direzione via Capo di Lucca, dopo aver rubato la cassa con circa 800 euro e un monopattino elettrico. Il 27enne, in fuga sul monopattino, è stato bloccato nei pressi dell'autostazione, mentre l'altro è riuscito a fuggire. L'arrestato è risultato avere precedenti ed è destinatario di un avviso orale e della misura del divieto di ritorno del Comune di Bologna. Si tratta dell’ultimo di una serie di colpi messi a segno in questi giorni.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Strage di Suviana, da martedì si celebrano i funerali

Con la procura di Bologna che ha dato il nulla osta per la restituzione delle salme di alcune delle vittime della strage di Bologna, dalla prossima settimana si potranno celebrare i funerali. Il primo a essere fissato è quello di Vincenzo Franchina, 36 anni, la vittima più giovane del disastro della centrale di Bargi. Era sposato da poco più di un anno ed era padre da appena tre mesi. Con la moglie Enza, anche lei originaria di Sinagra (Messina), si era trasferito a Genova, lasciando a malincuore la sua Sicilia, per lavoro. Era impiegato della Engineering srl di Mele, ed è morto a Suviana insieme al titolare Mario Pisani e al collega Pavel Tanase. La salma arriverà alla Chiesa Madre di Sinagra (Messina) alle 9 e alle 16 sarà celebrato il funerale. Per la giornata, il Comune di Sinagra ha proclamato il lutto cittadino. Sui corpi delle vittime non è stata disposta l'autopsia perché la procura ritiene chiara la causa del decesso. E' stato fatto dal medico legale un esame esterno, con una tac e un esame tossicologico per capire se, subito dopo l'esplosione, le vittime possano aver inalato delle sostanze letali o comunque tossiche.