15 APRILE 2024

18:24

NOTIZIA DI CRONACA

DI

301 visualizzazioni


15 APRILE 2024 - 18:24


NOTIZIA DI CRONACA

DI

301 visualizzazioni



BOLOGNA: Strage di Suviana, lavori fermi, si guarda alle infiltrazioni

I lavori di svuotamento dall'acqua e di messa in sicurezza della centrale di Bargi, sul lago di Suviana, sono fermi. Si attende che venga presa una decisione su come fermare l'afflusso di acqua dal lago, che non si è mai stoppato in questi giorni vanificando il lavoro delle idrovore. Intanto si è tenuta una riunione in Procura a Bologna nel corso della quale il procuratore capo Giuseppe Amato ha assegnato le deleghe specifiche all'interno del pool di investigatori di cui fanno parte Ausl, ispettorato del lavoro, guardia di finanza per alcuni aspetti, carabinieri, carabinieri del Nil e Vigili del fuoco.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

RAVENNA: Un bazar di droghe in casa, due arresti

Un'operazione condotta dai Carabinieri di Ravenna ha portato alla scoperta di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti e all'arresto di una coppia italiana, lui di 40 anni e lei di 36. Durante una perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto 5 chili di hashish suddivisi in panetti e circa un chilo di cocaina già confezionata all’interno di vari contenitori per alimenti e buste per il sottovuoto. Insieme alle droghe, sono state trovate bilance digitali di precisione e macchine per il sottovuoto, con annesse buste simili a quelle utilizzate per il confezionamento delle sostanze stupefacenti. Le indagini, avviate dai Carabinieri della stazione di Mezzano, hanno portato i militari a sospettare del 40enne, operaio con piccoli precedenti, per attività di spaccio e detenzione di hashish presso la propria abitazione. All’arrivo delle forze dell’ordine, l’uomo e la sua convivente hanno manifestato evidente nervosismo, culminato in frasi confuse e senza senso. Poco dopo, il sospettato ha ammesso le proprie responsabilità consegnando spontaneamente oltre 100 grammi di hashish, sostenendo che fosse per uso personale. I militari, tuttavia, hanno deciso di proseguire con una perquisizione più approfondita, estendendola a tutti i locali della casa e agli spazi attigui. La ricerca ha portato alla scoperta di una stanza adibita a deposito/lavanderia, dove era nascosto un vero e proprio bazar della droga. Tutte le sostanze e il materiale sono stati sequestrati. La coppia è stata arrestata con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione della Procura della Repubblica di Ravenna, trasferita rispettivamente nei carceri di Forlì e Ravenna.