9 FEBBRAIO 2024

09:56

NOTIZIA DI CRONACA

DI

518 visualizzazioni


9 FEBBRAIO 2024 - 09:56


NOTIZIA DI CRONACA

DI

518 visualizzazioni



FERRARA: Morti nel camper, inchiesta per omicidio colposo

Sono due i versanti dell’attività investigativa della procura di Ferrara per far luce sull’incendio che lo scorso martedì ha distrutto un camper in sosta nel parcheggio del Decathlon di via Veneziani. Nel rogo sono morte due persone: madre e figlio. Il primo riguarda gli accertamenti medico legali per definire l’esatta l’identità delle vittime e il secondo si basa sulle verifiche dei resti del camper per risalire alle cause dell’incendio. Il pubblico ministero di turno ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo, ma il fascicolo è contro ignoti. Il camper, posto sotto sequestro, è stato trasportato al comando dei vigili del fuoco, dove rimarrà a disposizione degl’inquirenti per le attività tecniche. Per ora, l’ipotesi più plausibile è che una delle bombole di Gpl abbia generato una fuga di gas tale da saturare l’ambiente, intossicando le due persone che si trovavano all’interno del camper e facendo scatenare, in seguito, l’incendio.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Misure cautelari dopo lo sgombero, collettivi in presidio | VIDEO

Presidio dei collettivi a Bologna dopo le misure cautelari di divieto di dimora nei confronti di sei attivisti, dopo lo sgombero dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in via Mazzini. “Misure fasciste e repressive” attaccano i manifestanti, annunciando una lunga serie di iniziative che già da sabato, a Ferrara, preannunciano una primavera calda in tutta la regione Conferenza stampa-presidio nel cortile del Comune di Bologna dopo le 12 denunce e le sei misure cautelari di divieto di dimora nel territorio metropolitano, eseguite nei giorni scorsi dalla Digos, in seguito allo sgombero dello scorso 6 ottobre, con scontri, dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in uno stabile di proprietà di una congregazione di suore in via Mazzini. I sei attivisti colpiti dal provvedimento, con un team legale già a lavoro per chiederne la revoca, adesso sono ospiti di alcuni compagni di Reggio Emilia, solidali con loro, come numerose sigle, collettivi e movimenti bolognesi e non solo, considerando la tensione nelle ultime settimane un po' dappertutto nel Paese. Ad assistere alla conferenza anche la vicesindaca Emily Clancy ed esponenti della maggioranza comunale extra-Pd. A manifestare, annunciando una serie di iniziative che già da sabato a Ferrara prospettano una primavera calda in tutta la regione, anche Martina, attivista di Labas, sulle prime pagine col volto sanguinante proprio il giorno dello sgombero per le ferite riportate in seguito agli scontri, che videro coinvolti anche di tre agenti. Quello che l'ha colpita è stato denunciato, assicura la giovane, che parla inoltre di falsità riportate nelle notifiche, sulle quali si leggerebbe che la studentessa si sia fatta male da sola, scivolando.