1 LUGLIO 2023

11:06

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1844 visualizzazioni


1 LUGLIO 2023 - 11:06


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1844 visualizzazioni



RIMINI: Pestato a morte davanti a un hotel, chiesti due ergastoli | VIDEO

Due ergastoli con isolamento diurno per un anno, e pene da 10 e 12 anni di reclusione: sono le richieste del pubblico ministero Paolo Gengarelli, ieri in Corte d'assise, per l'omicidio di Antonino Di Dato. I giudici popolari hanno ascoltato la ricostruzione di quello che accadde nell'ingresso di un hotel di Rimini dove Di Dato, 45 anni, fu picchiato violentemente e morì dopo nove giorni di agonia, il 12 novembre del 2021. Imputati Bruno Francesco Cacchiullo, 54 anni, per cui il pm ha chiesto una condanna a 12 anni di reclusione, e Costantino Lomonaco, 37 anni, per cui è stata chiesta una reclusione di 10 anni. I due ergastoli sono stati invece chiesti per Ivan Dumbobic, croato 44enne, che picchiò Di Dato con una mazza di legno e per il latitante bosniaco Azim Samardzic, difeso dall'avvocato Stefano Caroli, che colpì Di Dato quando era già caduto a terra sanguinante. Il pestaggio sarebbe motivato da un debito di 7500 euro e una pistola sparita e su tutta la vicenda, c'è l'ombra della criminalità organizzata visti i trascorsi della vittima. Di Dato originario nel napoletano, nel 2019 era stato coinvolto in un'operazione dei carabinieri denominata "Hammer", coordinata dalla procura antimafia di Bologna, che portò all'arresto di dieci persone per quella che fu definita una sorta di nuova camorra romagnola. Questa mattina, subito dopo la requisitoria del pm Gengarelli, hanno parlato le difese. Quella dei due stranieri ha puntato sull'omicidio preterintenzionale. Per Dumbobic, l'avvocato Pelusi ha detto che sulla morte avvenuta nove giorni dopo in ospedale a Rimini sarebbe da valutare il concorso del comportamento dei medici per la somministrazione di cure sbagliate. L'udienza è stata quindi rinviata al 10 luglio alle 9.30 per repliche finali e lettura del dispositivo.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA