5 DICEMBRE 2023

08:16

NOTIZIA DI CRONACA

DI

351 visualizzazioni


5 DICEMBRE 2023 - 08:16


NOTIZIA DI CRONACA

DI

351 visualizzazioni



BOLOGNA: Aggressioni e rapine in strada, 3 arresti

Tre persone sono state arrestate da carabinieri e polizia per una serie di rapine a passanti avvenute nel fine settimana nel centro di Bologna. Hanno 22 e 24 anni, il primo di origine tunisina e il secondo nato in Marocco, gli autori di due aggressioni ai danni di altrettanti studenti, affrontati per strada nella zona di Piazza dei Martiri. A distanza di pochi minuti, secondo quanto ricostruito, hanno preso di mira un 19enne e un 22enne. La prima rapina è riuscita e alla vittima è stata strappata dal collo una catenina d'oro, mentre il secondo ragazzo è stato gettato a terra e preso a calci nel tentativo di derubarlo e frugargli le tasche, ma senza trovare nulla. I due studenti hanno avvertito il 112 e dato le descrizioni degli aggressori, che sono stati rintracciati e arrestati. Per altri episodi simili, avvenuti sempre nel weekend, la polizia ha arrestato un 19enne tunisino, accusato di avere rapinato due giovani egiziani. Il 19enne è stato rintracciato in una comunità per minori, dove gli agenti sono intervenuti perché un'operatrice aveva segnalato la presenza di una persona estranea alla struttura che dormiva in una stanza. Dagli abiti che indossava e da successivi accertamenti sono emersi i collegamenti con le due rapine.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Maltrattamenti e estorsione alla ex, allontanato da casa

I carabinieri della stazione Bolognese hanno eseguito una misura di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla ex moglie nei confronti di un 53enne italiano, accusato di maltrattamenti ed estorsione. Il provvedimento del Gip trae origine dalla presentazione di una querela, sporta dalla donna, 59enne, italiana. La vittima ha dichiarato ai carabinieri di essere legalmente separata dal 53enne, ma che nel 2022 aveva deciso di tornare a convivere con lui al solo scopo di aiutarlo in quanto dormiva per strada o in macchina. Tuttavia nel 2023 la situazione è tornata a degenerare a seguito della perdita del lavoro da parte del 53enne. Infatti da quel momento l'uomo ha cominciato nuovamente ad inveire nei confronti della ex moglie, con atteggiamenti sempre più violenti e rivolgendole frasi ingiuriose minacciandola di morte, questo dettato spesso dall'abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti, tutto ciò sempre più frequentemente. La donna ha anche riferito ai militari che l'ex marito, il 9 gennaio, l'ha contattata chiedendole 40 euro per saldare un debito. Dopo essersi rifiutata però, l'avrebbe aggredita, chiudendola in camera da letto e urlandole di darle i soldi. Per paura che potesse farle del male la 59enne, dopo essersi andata in banca, gli ha consegnato i soldi.