27 NOVEMBRE 2023

11:45

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1281 visualizzazioni


27 NOVEMBRE 2023 - 11:45


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1281 visualizzazioni



RIMINI: Tragedia in mare, scomparso a 40 anni ufficiale della Gdf | VIDEO

È scomparso all’età di 40 anni Roberto Russo, tenente colonnello della Guardia di Finanza di Rimini. Il militare ha avuto un malore in mare mentre faceva kite-surf. Originario del Catanese, è morto sabato sera in ospedale.

 

“Era uno dei migliori, e non per modo di dire”. Così il comandante della Guardia di Finanza di Rimini Alessandro Coscarelli ricorda il tenente colonnello Roberto Russo, il suo braccio destro, scomparso sabato scorso dopo un malore in mare mentre praticava kite-surf. Allenato e abituato a praticare lo sport acquatico, il militare se ne è andato a 40 anni lasciando dietro di sé una scia di dolore, a partire dalla caserma a cui era stato assegnato nel 2020.

Originario di Acireale, nel Catanese, Russo era il comandante del Nucleo di polizia economico finanziaria del comando provinciale di Rimini. Insediatosi nel mezzo della pandemia, è stato durante la sua guardia che si è svelata la maxi frode ai danni dello Stato attraverso i finanziamenti pubblici del decreto Sostegni. Grazie all’operazione Free Credit di inizio 2022, il finanziere è riuscito insieme ai colleghi e alla Procura, a salvare 350 milioni di euro dalle casse pubbliche che altrimenti sarebbero svaniti nel nulla.

Un’inchiesta di respiro nazionale che ha indotto il governo a varare misure più stringenti e che ha elevato l’attenzione sul tema di tutte le procure del Paese. Scomparso decisamente troppo presto, Roberto Russo lascia dietro sé il suo senso dello Stato, l’ineccepibile valore e un esempio per tutta la comunità.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Maltrattamenti e estorsione alla ex, allontanato da casa

I carabinieri della stazione Bolognese hanno eseguito una misura di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla ex moglie nei confronti di un 53enne italiano, accusato di maltrattamenti ed estorsione. Il provvedimento del Gip trae origine dalla presentazione di una querela, sporta dalla donna, 59enne, italiana. La vittima ha dichiarato ai carabinieri di essere legalmente separata dal 53enne, ma che nel 2022 aveva deciso di tornare a convivere con lui al solo scopo di aiutarlo in quanto dormiva per strada o in macchina. Tuttavia nel 2023 la situazione è tornata a degenerare a seguito della perdita del lavoro da parte del 53enne. Infatti da quel momento l'uomo ha cominciato nuovamente ad inveire nei confronti della ex moglie, con atteggiamenti sempre più violenti e rivolgendole frasi ingiuriose minacciandola di morte, questo dettato spesso dall'abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti, tutto ciò sempre più frequentemente. La donna ha anche riferito ai militari che l'ex marito, il 9 gennaio, l'ha contattata chiedendole 40 euro per saldare un debito. Dopo essersi rifiutata però, l'avrebbe aggredita, chiudendola in camera da letto e urlandole di darle i soldi. Per paura che potesse farle del male la 59enne, dopo essersi andata in banca, gli ha consegnato i soldi.