24 OTTOBRE 2023

19:47

NOTIZIA DI CRONACA

DI

5810 visualizzazioni


24 OTTOBRE 2023 - 19:47


NOTIZIA DI CRONACA

DI

5810 visualizzazioni



RIMINI: Omicidio Pierina, emergono nuovi dettagli, uccisa con 29 coltellate

Ventinove coltellate in rapida sequenza, tutte mortali quelle nella zona toracica e nuove tracce di sangue porterebbero ad individuare la via di fuga dell'assassino. Ci sono novità sul caso dell'omicidio di Pierina perché in mano agli inquirenti c'è molto di più di quanto non sia trapelato fino ad oggi. La sensazione è che si stia solo attendendo che la polizia scientifica di Roma metta nero su bianco le risultanze dei test di laboratorio e che il medico legale Loredana Buscemi invii la relazione autoptica, perché si arrivi ad una prima verità su chi ha ucciso la fervente testimone di Geova. Ma anche su come l'assassino ha dissimulato l'accaduto, su chi ha aiutato il killer e in quanti hanno saputo e mentito, nelle ore successive alla scoperta del cadavere, per coprire il colpevole. In questi giorni emergono intanto nuovi particolari, sugli indizi che ha raccolto la squadra mobile di Rimini, coordinata dal sostituto procuratore Daniele Paci. Pierina Paganelli la notte del 3 ottobre è stata uccisa con 29 coltellate in rapida sequenza, tutte mortali quelle che hanno raggiunto il torace e quindi il cuore. Ferite alle braccia da difesa, gonna strappata e assenza di biancheria intima. Esclusa dal medico legale però la violenza sessuale. Tracce di sangue sarebbero state rilevate in un'area lontana da quella della scena del crimine, verso un'uscita in direzione di un'altra palazzina con diversi appartamenti tra cui anche quello del padre di Loris e Manuela Bianchi, la nuora di Pierina che la mattina del 4 ottobre ha scoperto il cadavere nel vano ascensore dei garage condominiali. "I nostri assistiti ribadiscono la loro totale estraneità all'omicidio di Pierina", si legge in una nota dello Studio Legale Barzan e dell'avvocato Nunzia Barzan che rappresentata i fratelli Bianchi e Louis Dassilva, cittadino senegalese vicino di casa della vittima e legato da una stretta relazione con la stessa Manuela Bianchi. L'avvocato Barzan, il consulente Davide Barzan e l'investigatore privato Ezio Denti lavorano alla preventiva difesa dei tre anche se nessuno è iscritto nel registro degli indagati. "Al momento non sono indagati - ribadiscono i Barzan - Si sono resi pienamente disponibili nei confronti degli inquirenti e continueranno a collaborare con la Procura tutte le volte che verrà loro richiesto. Avendo avuto riguardo del rientro presso la casa coniugale di Giuliano, nulla si osserva, auspicando che presto l'omicida di Pierina venga assicurato alla giustizia".




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA