9 LUGLIO 2024

08:29

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

291 visualizzazioni


9 LUGLIO 2024 - 08:29


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

291 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Boom delle richieste di mutuo nel primo semestre, +20% | VIDEO

Boom di richieste di mutuo casa in Emilia-Romagna. Secondo l’osservatorio di Facile.it e Mutui.it, nei primi sei mesi del 2024 c’è stato un aumento della domanda di finanziamenti del 20% rispetto allo stesso periodo del 2023. Lo scorso anno è stato un periodo complesso per il mercato, colpito dall’aumento dei tassi di interesse e da una minore disponibilità economica da parte delle famiglie, alle prese con l’aumento dell’inflazione. Il 2024 è invece partito con un’inversione di rotta, grazie soprattutto al miglioramento delle condizioni offerte dalle banche per i tassi fissi. Per quanto riguarda i tassi variabili al contrario i valori restano ancora elevati. Chi ha necessità di denaro in prestito ha puntato ad ottenere in media 135mila euro, valore leggermente maggiore rispetto al 2023. Cresce di poco anche il valore medio dell’immobile oggetto di mutuo. La durata del mutuo rimane stabile a 24 anni e mezzo, mentre l’età media dei richiedenti arriva a sfiorare i 40 anni. Bologna è la provincia emiliano-romagnola dove è stato rilevato l’importo medio più alto, seguita da Rimini e Forlì-Cesena. Sotto la media regionale Ravenna.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: La Perla, commissari al lavoro per ripartire a settembre

I commissari della procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Manufacturing sono al lavoro per permettere all'azienda bolognese produttrice di lingerie di lusso di essere nelle condizioni di riprendere l'attività ai primi di settembre. Un passaggio necessario, visto che entro il 10 settembre gli avvocati Francesco Paolo Bello, Francesca Pace e Gianluca Giorgi devono depositare il loro programma al Mimit. Restano però molti scogli da superare. I commissari hanno chiesto l'attrazione nella procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Global Management Uk e La Perla Italia: rispettivamente la società di diritto inglese proprietaria del marchio, in liquidazione giudiziale in Italia e in liquidazione nel Regno Unito, e la società dei negozi, a sua volta in liquidazione giudiziale. In questi giorni scadono i termini entro cui i curatori delle due procedure interessate dovranno depositare le rispettive relazioni in Tribunale, poi la palla passerà ai giudici delegati. Inoltre, da lunedì si sta tenendo un tavolo a Milano tra i commissari e i curatori delle procedure italiane e i liquidatori inglesi di La Perla Global Management Uk, per arrivare a un protocollo perimetro e modalità di vendita congiunta degli asset del gruppo. Tempi troppo lunghi per i sindacati, che oggi con le lavoratrici hanno inscenato un presidio davanti allo stabilimento bolognese: hanno portato sdraio, ombrelloni e asciugamani e hanno cantato i classici balli di gruppo dell'estate. A far visita al presidio le istituzioni del territorio. "I primi di settembre per ora può ripartire solo la parte produttiva, senza l'attrazione delle altre aziende è una presa in giro", attacca Stefania Pisani della Filctem Cgil. "Qui abbiamo professionalità che sono state mortificate in tutti i sensi", rincara Mariangela Occhiali della Uiltec".