8 LUGLIO 2024

10:08

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

461 visualizzazioni


8 LUGLIO 2024 - 10:08


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

461 visualizzazioni



ROMAGNA: West Nile virus, si alza il livello di attenzione

I Comuni della Bassa Romagna hanno emesso nuove ordinanze per il contenimento delle zanzare, che interessano in particolare gli organizzatori di eventi. La Regione Emilia-Romagna ha comunicato che, a seguito della sorveglianza veterinaria attivata nell'ambito del piano regionale di sorveglianza e controllo delle arbovirosi, c'è stato un riscontro di positività al West Nile virus in campioni di zanzare catturate nelle provincie di Parma e Ferrara. La positività riscontrata nel ferrarese fa attivare anche per la provincia di Ravenna gli interventi di controllo del vettore. Ciò comporta la messa in atto di ulteriori interventi di controllo della zanzara e di prevenzione dell'infezione nell'uomo e negli equini in tutte le province interessate. Il virus West Nile è presente in maniera stabile nelle regioni del bacino padano, e i serbatoi del virus sono gli uccelli selvatici e le zanzare. Su proposta del Dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl della Romagna, i Comuni dell'Unione della Bassa Romagna hanno emanato apposite ordinanze e stanno osservando e realizzando le indicazioni operative valide in tutta la provincia di Ravenna. Le ordinanze prevedono che i soggetti che organizzano manifestazioni con ritrovo dimolte persone (presenze di 200 o più partecipanti) all’aperto, nelle ore serali in aree non interessate dalla disinfestazione ordinaria preventiva con larvicidi, sono obbligati a effettuare interventi straordinari preventivi con adulticidi, notificando l'intervento all'Ausl e all'Unione. Gli eventi che invece si terranno nelle zone urbanizzate delle città (dove vengono periodicamente trattate le tombinature pubbliche con prodotti larvali) saranno sottoposti a una valutazione delle condizioni ecologiche e degli eventuali interventi straordinari con la collaborazione del Dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl della Romagna. I trattamenti dovranno essere affidati a ditte specializzatedel settore e nel rispetto delle modalità indicate nelle linee guida regionali per un corretto utilizzo dei trattamenti adulticidi contro le zanzare




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: La Perla, commissari al lavoro per ripartire a settembre

I commissari della procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Manufacturing sono al lavoro per permettere all'azienda bolognese produttrice di lingerie di lusso di essere nelle condizioni di riprendere l'attività ai primi di settembre. Un passaggio necessario, visto che entro il 10 settembre gli avvocati Francesco Paolo Bello, Francesca Pace e Gianluca Giorgi devono depositare il loro programma al Mimit. Restano però molti scogli da superare. I commissari hanno chiesto l'attrazione nella procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Global Management Uk e La Perla Italia: rispettivamente la società di diritto inglese proprietaria del marchio, in liquidazione giudiziale in Italia e in liquidazione nel Regno Unito, e la società dei negozi, a sua volta in liquidazione giudiziale. In questi giorni scadono i termini entro cui i curatori delle due procedure interessate dovranno depositare le rispettive relazioni in Tribunale, poi la palla passerà ai giudici delegati. Inoltre, da lunedì si sta tenendo un tavolo a Milano tra i commissari e i curatori delle procedure italiane e i liquidatori inglesi di La Perla Global Management Uk, per arrivare a un protocollo perimetro e modalità di vendita congiunta degli asset del gruppo. Tempi troppo lunghi per i sindacati, che oggi con le lavoratrici hanno inscenato un presidio davanti allo stabilimento bolognese: hanno portato sdraio, ombrelloni e asciugamani e hanno cantato i classici balli di gruppo dell'estate. A far visita al presidio le istituzioni del territorio. "I primi di settembre per ora può ripartire solo la parte produttiva, senza l'attrazione delle altre aziende è una presa in giro", attacca Stefania Pisani della Filctem Cgil. "Qui abbiamo professionalità che sono state mortificate in tutti i sensi", rincara Mariangela Occhiali della Uiltec".