11 LUGLIO 2024

10:46

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

451 visualizzazioni


11 LUGLIO 2024 - 10:46


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

451 visualizzazioni



FORLÌ: G7 a Forlì, il concerto a San Mercuriale incanta i ministri | VIDEO

Serata storica ieri per la città di Forlì che ha ospitato il G7 della scienza e della tecnologia. Grande protagonista è stata la musica.

E’ stata l’ouverture del Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini, dopo l’immancabile Inno di Mameli, ad aprire il concerto organizzato nell’abazia di San Mercuriale a Forlì per il G7 della scienza e della tecnologia. I ministri di Canada, Francia, Stati Uniti, Regno Unito e Germania, dopo la giornata trascorsa al Tecnopolo di Bologna, sono arrivati in Romagna per una serata dedicata alla musica, accolti dalla ministra italiana alla ricerca Anna Maria Bernini. “Una giornata storica” l’ha definita il sindaco di Forlì Zattini, chiamato a fare gli onori di casa: “Avere gli occhi del mondo puntati su Forlì credo sia un bellissimo riconoscimento per la nostra storia” ha detto il primo cittadino.

“La chiesa di San Mercuriale è veramente qualcosa di importante da punto di vista architettonico – continua la deputata di Forza Italia Rosaria Tassinari - Dobbiamo ringraziare il Ministro Bernini per questo passaggio fondamentale”

Una scelta fortemente simbolica quella della città di Forlì, tra le più colpite dall’alluvione del 2023, per un vertice che è chiamato a dare risposte sull’utilizzo della scienza e delle nuove tecnologie per costruire un futuro che sia anche sostenibile dal punto di vista ambientale: “Grazie alla scienza troveremo tutte le strade per risolvere i tanti problemi che l’uomo ha posto sulla natura e sull’ambiente – spiega Zattini - Ben venga un atteggiamento costruttivo sul futuro dell’intelligenza, artificiale e umana”

 




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: La Perla, commissari al lavoro per ripartire a settembre

I commissari della procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Manufacturing sono al lavoro per permettere all'azienda bolognese produttrice di lingerie di lusso di essere nelle condizioni di riprendere l'attività ai primi di settembre. Un passaggio necessario, visto che entro il 10 settembre gli avvocati Francesco Paolo Bello, Francesca Pace e Gianluca Giorgi devono depositare il loro programma al Mimit. Restano però molti scogli da superare. I commissari hanno chiesto l'attrazione nella procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Global Management Uk e La Perla Italia: rispettivamente la società di diritto inglese proprietaria del marchio, in liquidazione giudiziale in Italia e in liquidazione nel Regno Unito, e la società dei negozi, a sua volta in liquidazione giudiziale. In questi giorni scadono i termini entro cui i curatori delle due procedure interessate dovranno depositare le rispettive relazioni in Tribunale, poi la palla passerà ai giudici delegati. Inoltre, da lunedì si sta tenendo un tavolo a Milano tra i commissari e i curatori delle procedure italiane e i liquidatori inglesi di La Perla Global Management Uk, per arrivare a un protocollo perimetro e modalità di vendita congiunta degli asset del gruppo. Tempi troppo lunghi per i sindacati, che oggi con le lavoratrici hanno inscenato un presidio davanti allo stabilimento bolognese: hanno portato sdraio, ombrelloni e asciugamani e hanno cantato i classici balli di gruppo dell'estate. A far visita al presidio le istituzioni del territorio. "I primi di settembre per ora può ripartire solo la parte produttiva, senza l'attrazione delle altre aziende è una presa in giro", attacca Stefania Pisani della Filctem Cgil. "Qui abbiamo professionalità che sono state mortificate in tutti i sensi", rincara Mariangela Occhiali della Uiltec".