18 GIUGNO 2024

15:22

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

634 visualizzazioni


18 GIUGNO 2024 - 15:22


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

634 visualizzazioni



ROMAGNA: "Un Sorso di Vita 2.0", vince un premio al World Film Festival | FOTO

Il cortometraggio a tema sociale "Un Sorso di Vita 2.0", diretto e prodotto da Daniel Mercatali, continua a raccogliere riconoscimenti. Già vincitore di otto premi, ha recentemente ricevuto altri due riconoscimenti all'X World Film Festival di Ostia Antica, Roma, sotto la direzione artistica di Alessandra Guarino. Il primo premio, "Best Poster", è stato assegnato a Igor Castiglia, mentre il secondo, "Outstanding Social Drama", è stato conferito al regista Daniel Mercatali. Questo riconoscimento è stato attribuito in particolare per la performance dell’attrice Valentina Bivona, che ha girato in due momenti diversi della sua crescita: nel 2017, all’età di 11 anni, e nel 2022, all’età di 16 anni. La trama del cortometraggio si apre con Valentina (nel ruolo di Giulia) a 16 anni, insieme all’attore e compositore Francesco Faggi (nel ruolo di Davide). Nel progetto hanno partecipato anche Ambra Brambilla, che ha disegnato tutti gli sfondi per i titoli di testa e di coda, e l’attore Justin Galassi, che interpreta il padre alcolizzato. La voce fuori campo è affidata a Gianluca Iacono, noto doppiatore di personaggi come Vegeta di Dragon Ball e lo chef stellato Gordon Ramsay. “Vorrei ringraziare il cast e la troupe, che sono stati il cuore pulsante nella realizzazione di tutte le fasi del cortometraggio, interpretando magistralmente gli obiettivi di sicurezza stradale contro l’abuso di alcol. Spero che questa interpretazione riesca a sensibilizzare quanti più giovani possibile nel percorrere strade della vita che non prevedano l'abuso di alcool” ha dichiarato Daniel Mercatali.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: La Perla, commissari al lavoro per ripartire a settembre

I commissari della procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Manufacturing sono al lavoro per permettere all'azienda bolognese produttrice di lingerie di lusso di essere nelle condizioni di riprendere l'attività ai primi di settembre. Un passaggio necessario, visto che entro il 10 settembre gli avvocati Francesco Paolo Bello, Francesca Pace e Gianluca Giorgi devono depositare il loro programma al Mimit. Restano però molti scogli da superare. I commissari hanno chiesto l'attrazione nella procedura di amministrazione straordinaria di La Perla Global Management Uk e La Perla Italia: rispettivamente la società di diritto inglese proprietaria del marchio, in liquidazione giudiziale in Italia e in liquidazione nel Regno Unito, e la società dei negozi, a sua volta in liquidazione giudiziale. In questi giorni scadono i termini entro cui i curatori delle due procedure interessate dovranno depositare le rispettive relazioni in Tribunale, poi la palla passerà ai giudici delegati. Inoltre, da lunedì si sta tenendo un tavolo a Milano tra i commissari e i curatori delle procedure italiane e i liquidatori inglesi di La Perla Global Management Uk, per arrivare a un protocollo perimetro e modalità di vendita congiunta degli asset del gruppo. Tempi troppo lunghi per i sindacati, che oggi con le lavoratrici hanno inscenato un presidio davanti allo stabilimento bolognese: hanno portato sdraio, ombrelloni e asciugamani e hanno cantato i classici balli di gruppo dell'estate. A far visita al presidio le istituzioni del territorio. "I primi di settembre per ora può ripartire solo la parte produttiva, senza l'attrazione delle altre aziende è una presa in giro", attacca Stefania Pisani della Filctem Cgil. "Qui abbiamo professionalità che sono state mortificate in tutti i sensi", rincara Mariangela Occhiali della Uiltec".