7 MAGGIO 2024

16:06

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

981 visualizzazioni


7 MAGGIO 2024 - 16:06


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

981 visualizzazioni



ROMAGNA: Alluvione un anno dopo, le iniziative in ricordo della sciagura

Teleromagna sarà in diretta da Forlì e dedicherà buona parte del suo palinsesto a quanto accaduto un anno fa.

Si avvicina la data del 16 maggio, giorno in cui la Romagna celebrerà un anno dal disastro dell’alluvione del 2023 che ha provocato miliardi di euro di danni, 17 morti sommando anche gli eventi del 2 e 3 maggio e migliaia di sfollati. Innumerevoli sono le iniziative previste nei prossimi giorni: lunedì 13 a Bagnacavallo, nel Ravennate, si terrà un incontro dal titolo ‘Alluvioni, un anno dopo’ dove vari esponenti di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Ravenna, Unione dei Comuni della Bassa Romagna e Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale effettueranno un approfondimento sui piani speciali per la ricostruzione e sul percorso degli indennizzi. Sempre a Bagnacavallo, per tutto il mese di maggio, nelle cornici di via Mazzini, alla chiesa del Carmine, saranno esposte due immagini dell’opera ‘Storie di fango’ realizzata da Stefania Galegati lungo la ciclabile del Naviglio. L’evento clou sarà nelle giornata del 16 a Forlì dove alle ore 17, in Porta Schiavonia, sarà inaugurato un monumento dedicato alla vittime del fango con la successiva messa celebrata dal Vescovo della diocesi di Forlì-Bertinoro Livio Corazza trasmessa in diretta da Teleromagna. “Pregheremo e manifesteremo la nostra solidarietà verso le famiglie e le aziende che sono state colpite e che sono ancora in difficoltà”, dice il prelato. “Ma sarà anche l’occasione - aggiunge - per dire grazie ai tanti benefattori che si sono resi protagonisti nel soccorso immediato e ci sono rimasti accanto anche dopo. In quei giorni drammatici c’era da piangere per quello che era capitato ma ci hanno commosso le tante persone che ci sono state vicine, a partire dai giovani. Vogliamo dire a tutti la nostra riconoscenza e gratitudine". A Faenza, altra località gravemente colpita dal cataclisma, la sera di giovedì 16 maggio si terrà la ‘Cerimonia del fango’ con sette cortei che confluiranno in piazza del Popolo, dove verrà celebrato un rito collettivo con l’intento di rinnovare il legame di comunità andatosi a creare nei giorni dell’emergenza. 

A Cesena infine, sempre nella giornata del 16 e grazie anche al comitato alluvionati, si terrà una messa alle ore 19 alla chiesa di San Rocco col vescovo Regattieri. Alle 21.45 partirà una fiaccolata che girerà lungo gli argini del fiume tra il ponte Vecchio e il ponte Nuovo.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

FAENZA: Musei in sconto con la FaenzaMuseiCard | VIDEO

Da sabato 15 giugno 2024 sarà attiva a Faenza la FaenzaMuseiCard, un nuovo strumento che invita il pubblico a fruire dell’opportunità di visitare tutti e tre i musei più importanti della città – Palazzo Milzetti Museo Nazionale dell’età neoclassica in Romagna, Pinacoteca Comunale di Faenza, Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza – offrendo una agevolazione sull’acquisto del biglietto di ingresso al secondo e terzo museo visitato. La tessera FaenzaMuseiCard, infatti, verrà consegnata gratuitamente al visitatore nel primo dei tre musei e permetterà di ottenere uno sconto di 2,00 € sul biglietto di ingresso ai due musei successivi. La Card ha una validità di tre giorni dal giorno dell’emissione. L’istituzione della FaenzaMuseiCard deriva da un accordo di valorizzazione tra la Direzione Regionale Musei Nazionali Emilia Romagna del Ministero della Cultura, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Faenza e la Fondazione Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, nell’obiettivo comune di promuovere e rendere sempre più noto al grande pubblico il patrimonio culturale della città, attraverso una collaborazione e valorizzazione reciproca dei tre musei, nell’intento di cogliere l’opportunità della condivisione e allargamento dei rispettivi pubblici. La cultura non può infatti avere confini dettati dalle differenze tra le varie istituzioni: il nostro patrimonio è costituito da una serie di relazioni così strette che vanno assolutamente svelate, nel piacere di condividerle in una prospettiva di inclusione e condivisione con le comunità e i diversi pubblici. Pertanto, tramite l’agevolazione che viene così attivata relativamente al biglietto di ingresso, la Card mira a segnalare in modo evidente, in particolare ai visitatori che vengono in visita dall’esterno, l’importante offerta culturale del territorio a cui appartengono i tre musei, i quali hanno condiviso l’idea di creare in primis tra loro una rete culturale volta alla valorizzazione dell’intera città di Faenza.